Japanese Romaji Adventure: un’avventura RPG per imparare il giapponese

Un gioco di ruolo che ti invoglia ad imparare la cultura e la lingua giapponese divertendoti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Japanese Romaji Adventure è un gioco di ruolo creato con RPG Maker MV, un programma che io stesso conosco ed ho utilizzato, sviluppato da JBO Media e pubblicato dall’editore Angel Star Studios.

Il titolo utilizza in buona parte gli strumenti di base offerti da RPG Maker MV ed è presente su Steam al prezzo di 3,99 euro. Lo scopo degli sviluppatori è insegnare alcune basi sulla lingua giapponese e sulla cultura che caratterizza il paese del sol levante.

Japanese Romaji Adventure:  avventurieri in formazione!

La trama di Japanese Romaji Adventure è riassumibile, per quanto ci interessi, nel seguente modo: un gruppo di quattro avventurieri, sul quale non sappiamo nulla se non che sono considerati stranieri, entra in Giappone dopo che sono stati riaperti i confini con il resto del mondo. Ci troviamo nel 1800, i forestieri non sono ancora ben visti dalla popolazione del posto, in particolare i Gajin non accettano stranieri.

Il tuo compito sarà quello di far diventare il tuo gruppo di esploratori dei veri e propri “maestri” della cultura e della lingua giapponese. Per essere precisi il gioco ti insegnerà le basi con oltre 600 parole trascritte utilizzando l’alfabeto di noi europei.

Japanese Romaji Adventure inizio

Un gameplay semplice…oppure no?

Japanese Romaji Adventure è un gioco di ruolo di natura istruttiva, pertanto come premessa dovuta dovrai ricordare concetti e spiegazioni che imparerai durante l’avventura. Dalla prima città non potrai uscire se non dopo aver visitato e completato tutti i quiz di base legati alla lingua ed alla storia giapponese, questi ti verranno assegnati dai vari personaggi non giocanti presenti nelle strutture. Fin dai primi minuti imparerai: i saluti, i numeri, alcuni elementi di storia ed i colori. Tranquillo però, il gioco consente di rileggere più volte e di ripetere i quiz fin quando non li completerai.

Una prima pecca di questo piccolo RPG è appunto la possibilità di ripetere senza che l’errore nelle risposte applichi un malus sul nostro gruppo: personalmente mi sono ritrovato a ripetere alcuni quiz cercando casualmente di azzeccare le risposte giuste. Gli sviluppatori avrebbero dovuto inserire qualche elemento che invogliasse effettivamente a concentrarsi sulle varie spiegazioni precedenti, in maniera tale da non utilizzare questi facili stratagemmi.

Per alcuni la soluzione sopra riportata potrebbe essere la via per rendere l’esperienza di gameplay meno noiosa e frustrante, dato che in determinate situazioni potrebbe annoiarti o stancarti per i ripetuti tentativi falliti.

Japanese Romaji Adventure tempio

L’idea di invogliare ad imparare una cultura ed una lingua nuova è certamente riuscita per quanto riguarda i colori ed il sistema di combattimento: conoscere i nomi dei principali colori permette di affrontare i combattimenti contro le creature che incontreremo in determinati luoghi. In questo caso il giocatore dovrà necessariamente ricordarseli, poichè le magie (che hanno nomi di colori) che possono lanciare i quattro avventurieri hanno effetto solo se lanciate sul nemico corrispondente.

In seguito, oltre i colori, ci saranno determinati nemici che potranno essere sconfitti con altre conoscenze di base. Un’idea innovativa, applicata però al classico sistema di combattimento offerto da RPG Maker MV, ma che sicuramente spinge a dover imparare delle parole in giapponese.

In Japanese Romaji Adventure gli scontri avverranno solo in determinati dungeon all’esterno delle varie città, le battaglie contro i nemici incontrati casualmente possono essere saltate con l’opzione fuga. Questi scontri vengono attivati dopo un certo numero di passi che il gruppo compie nel dungeon (un pò come nei classici giochi di Pokemon), è una caratteristica base di RPG Maker.

Se non sei un esperto dei giochi RPG creati con i vari tool di RPG Maker (MV è solo uno dei tanti) sappi che il sistema di combattimento è a turni, in cui il giocatore decide per ogni membro del proprio team la mossa da dover fare, tra le quali difendersi, attaccare normalmente, usare oggetti oppure magie.

Aspetti tecnici da rivedere…

Come già detto in precedenza Japanese Romaji Adventure utilizza per buona parte le risorse base di RPG Maker MV, di per sè questo potrebbe anche non essere una pecca ma sicuramente il mapping dei vari livelli lascia a desiderare in diverse occasioni. Infatti, ci sono elementi che sarebbero da rivedere.

Per esempio, capitano spesso errori di passaggio: sin dall’inizio mi è stato da subito evidente che il titolo presentasse varie disattenzioni, poichè con il proprio gruppo di avventurieri è possibile camminare sulle rocce, su alcuni cestini ed addirittura sull’acqua.

Inoltre, a uno sguardo attento il mapping appare poco curato: una regola tacita per ogni creatore di videogiochi è non ripetere per quanto più possibile determinati elementi nella mappa che si sta creando. In Japanese Romaji Adventure spesso gli elementi sono messi tutti alla stessa distanza l’uno dall’altro senza dare una minima idea di uno scenario più realistico.

Infine, capita persino di vedere qualche errore nei personaggi non giocanti: i cosiddetti PNG in RPG maker possono essere impostati in movimento oppure fermi, ebbene uno degli errori più volte commesso dallo studio di JBO Media è stato quello di scegliere come grafica, per alcuni personaggi che sono fermi, quella del personaggio in movimento.

Tutti questi elementi qui sopra riportati richiedono davvero poco tempo per essere corretti e spero vengano cambiati in futuro. Per quanto riguarda le animazioni e gli effetti sono presenti nel solo combattimento, si potrebbero benissimo usare anche nel mapping principale o durante l’avventura, ma in questo gioco sono assenti.

Dal punto di vista musicale in Japanese Romaji Adventure troveremo dei pianoforti, in alcune strutture, che ci permettono di cambiare la musica in sottofondo del gioco, un aspetto carino che non è presente in tutti i giochi creati con Rpg Maker MV.

Per quanto riguarda gli effetti sonori sono limitati a quelli classici di transizione, come aperture di porte, ed a quelli presenti nel sistema di combattimento.

Il verdetto finale

Considerato anche il prezzo, Japanese Romaji Adventure è un umile titolo che vuole insegnare qualcosa di utile come la lingua giapponese e la storia di questo paese. Tuttavia ci sono degli aspetti che denotano scarsa attenzione nella realizzazione del gioco, dei piccoli “problemi” che possono essere risolti in breve tempo e che se risolti migliorerebbero il titolo di JBO Media. Non meno importante è la possibilità di giocarlo solamente in lingua inglese, che rappresenta un ostacolo duplice per chi non lo conosce bene e vuole anche imparare il giapponese.

Il mio giudizio su Japanese Romaji Adventure è molto vicino al buono, il piccolo RPG sviluppato da JBO Media ha una nobile idea, insegnare una lingua nuova e la storia di un importante paese quale il Giappone.

Il gameplay si basa sostanzialmente sul parlare con personaggi nelle varie città, imparare nozioni, e spostarsi nelle aree più pericolose dove ci sono nemici.

Tuttavia il titolo ha bisogno di ritocchi legati all’aspetto tecnico che sicuramente lo migliorerebbero, ma non può sforare oltre determinati limiti di giudizio poichè utilizza per la maggioranza risorse di base di RPG Maker MV.

Potrebbe interessarti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Scheda confidenziale su japanese romaji adventure

Siamo nel 1800, un gruppo di avventurieri entra in Giappone e si appresta ad imparare la lingua e gli elementi che caratterizzano la cultura del posto.

Cosa mi piace

  • Idea dell'imparare il giapponese
  • Sistema di combattimento incentrato su ciò che si è appreso

Cosa non mi piace

  • Il mapping va migliorato
  • Errori di passabilità
  • Può stancare dopo poco

65

Grafica

65

Impatto

65

Longevità

75

Sonoro

L’unico trofeo presente richiede di completare il gioco al 100%, probabilmente si intende il semplice completamento della missione principale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0