Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook

Voto

Hives

- La recensione

Hives è un gioco per cellulari nato e sviluppato tra i banchi di scuola, dimostrando che spesso lo studio e la passione per i videogiochi possono coisistere

Hives è un gioco che ha la potenzialità di far passare diversi minuti incollati allo schermo del proprio cellulare, riuscendo nell'intento di far ragionare il giocatore prima di compiere qualsiasi mossa.

Live Twitch

aprile, 2019

Nulla da mostrare al momento

Se vuoi maggiori informazioni su inserisci la tua email qui sotto:

Giocare ai videogiochi molto probabilmente non reca danni alle prestazioni scolastiche, ovviamente fino a quando non si gioca così tanto da trascurare le attività, come leggere, fare i propri studi o avere le giuste quantità di sonno.

D’altra parte, i videogiochi non sono nemmeno una pillola magica per potenziare il QI o trasformare gli studenti insufficienti in quelli eccellenti. Sembra però, che giocando con una frequenza moderata, ovvero poche ore a settimana, si tende ad avere migliori capacità accademiche rispetto a chi non gioca affatto ai videogiochi. Inoltre, vi sono prove che certi tipi di giochi possono migliorare le abilità spaziali e, eventualmente, aiutare persone con dislessia a imparare a leggere.

Proprio su queste basi oggi parliamo di Hives, gioco uscito il 6 marzo 2019 per Android e sviluppato da una piccola realtà italiana che si è lanciata nello sviluppo di videogiochi, partendo proprio da piccoli titoli per cellulari nell’ultimo anno accademico. I videogiochi sono intrinsecamente basati su sistemi che cercano, man mano che si procede, di incentivare il giocatore che viene premiato per risolvere un problema o completare una missione. Di conseguenza, i videogiochi formano un modo di pensare sistematico e una comprensione del modo in cui le diverse variabili si influenzano a vicenda.

Gameplay del gioco

In Hives dovremo risolvere una serie di grattacapi con il semplice atto di trascinare il dito su schermo e riuscire a raggiungere un determinato punto con una serie di mosse limitate, che dovranno essere calcolate prima di essere effettuate.

Lobiettivo del gioco è proprio quello di raggiungere il puntino rosso, scegliendo con cura quale percorso seguire. Qualora non dovessimo riuscire nel nostro intento, la partita ricomincerà fino a quando non riusciremo a superare il livello. Ci sono vari livelli di difficoltà: tralasciando il tutorial, infatti, possiamo trovare la modalità facile, medio, difficile, estremo, doppi e speculari. Completando tutti i livelli nella prima difficoltà, mi sono reso conto che il titolo mette alla prova il giocatore, spingendo a meditare prima di fare una mossa onde evitare di doverlo ripetere da capo.

Sostanzialemente il gioco è tutto qui: una lunga serie di livelli di difficoltà crescente che impegneranno il nostro dito, ma soprattutto la nostra mente, quel tanto che basta per garantirci qualche ora di sana e machiavellica elucabrazione. A parte qualcuno di essi particolarmente memorabile, la somma complessiva non brilla sicuramente di varietà. Certo, il titolo è gratuito e non vuole di certo presentare chissà quale gameplay avanzato o rivoluzionario, eppure qualche magagna anche in questo senso si può riuscire a trovare.

Infatti, se c’è una cosa che proprio non ho sopportato è la quantità disumana di pubblicità, problema che affligge purtroppo il 90% dei giochi presenti su mobile. Inoltre ho trovato di cattivo gusto il dover pagare per rimuovere la pubblicità nel gioco. Posso capire che si cerchi di trovare una fonte di guadagno ma così proprio non ci siamo, ci troviamo ben oltre le pur criticabili microtransizioni: un conto è garantire una versione free con poche pubblicità a fare da unica fonte di guadagno, altro conto è invadere l’esperienza di gioco di spot per poi presentare una versione “libera da pubblicità” a pagamento. Questo è un peccato perchè il gioco, nel suo genere, si rivelerebbe anche godibile.

Comparto grafico e sonoro

Graficamente il gioco non è male, riesce, grazie ad una grafica minimale e a pochi colori cupi, a trasmettere quel senso di concentrazione tipico di questi giochi, mentre a livello d’effetti sonori si poteva forse spingere un pochino di più. Hives, dal fronte estetico, ricorda vagamente i giochi che potevamo trovare dentro i cabinati di tanti anni fa e per un nostalgico come me non fa altro che avvalorare tutto il contesto. Da questo punto di vista Hives, anche tenendo conto della categoria a cui appartiene, riesce addirittura nel difficile intento di superare tanti altri giochi che ho provato durante la mia lunga carriera di videogiocatore, quindi non posso far altro che essere piacevolmente soddisfatto di questo gioco.

In conlusione

Da diversi anni la tecnologia ha fatto passi da giganti soprattutto con i dispositivi mobili, permettendo lo sviluppo e la pubblicazione di giochi sempre più complessi e che spesso si avvicinano a quelli che possiamo trovare su console. Purtroppo però il dover sviluppare un gioco richiede comunque una buona dose di investimenti e in base a quanto investi puoi ottenere risultati migliori. Con Hives non è stata impiegata una grossa quantità di soldi, ma nonostante ciò non promette oltre ciò che può effettivamente dare. Infatti, riesce nel suo intendo di far trascorrere diverse sessioni di gioco senza nemmeno farcene rendere conto, risultando a tutti gli effetti un buon passatempo.

Un ringraziamento speciale per averci fatto provare il gioco e averci dato l’occasione di scoprire Hives va allo sviluppatore Mirco Masera che ha molte ambizioni nel settore videoludico, dando una dimostrazione che lo studio e i videogiochi possono camminare assieme e percorrere una strada di crescita verso un futuro che si prospetta davvero roseo.

  • Commento finale

Livelli impegnativi

Possibilità di scegliere la difficoltà

6

La pubblicità nel gioco

Pagare per eliminare la pubblicità

Personalizzazione assente

Longevità 5.5

Grafica 6

Impatto 5

Sonoro 5

Hives non è un gioco per tutti ma è rivolto soprattutto per un pubblico che ha voglia di tenere allenata la mente. Nel suo insieme non è un gioco malvagio e se è stata data opportunità a giochi ben peggiori della sua categoria non vedo perchè non provare a dare un’occasione anche a questo gioco made in Italy.

Il gioco non presenta alcun trofeo se non completare tutti i livelli in diverse difficoltà presenti.

Valentina Paradiso
avatar
  Sottoscrivi  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
X