Green Hell, Green Hell Recensione, Green Hell Review, Videogiochi Survival, Creepy Jar

Green Hell – La recensione di un survival autentico

La mia analisi di Green Hell giocato su PlayStation 4, un survival nudo e crudo sviluppato da Creepy Jar che mette in campo buone idee e fa nascere qualche dubbio

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp

A quasi due anni di distanza dal suo primo debutto, avvenuto in accesso anticipato tramite la piattaforma Steam, Green Hell è pronto a fiondarsi tra le braccia di chi ha una console nella speranza di far lievitare quel milione (e oltre) di copie vendute. L’esperienza del team polacco alle sue spalle, tra ex-dipendenti di Techland e dello studio Flying Wild Hog, sarà bastata a creare un porting degno di questo nome che trascenda la quantità nota di molti altri survival?

Green Hell, Creepy Jar, Creepy Jar Games, Videogiochi Survival, Recensione Green Hell
Bulletstorm, Dead Island, Dying Light, Call of Juarez, Shadow Warrior, The Witcher e persino Silent Hill; questi i franchise più noti ai quali hanno lavorato gli sviluppatori che ormai rispondono al nome del gruppo indipendente Creepy Jar.

Titoli validi come The Long Dark, Stranded Deep e The Forest rivivono indubbiamente nell’opera in questione, ma Green Hell pone l’accento su una visione volta al realismo che si riflette nel suo gameplay in via naturale e non scontata. In altre parole? La riprova che a svalutarsi non è mai un dato genere quanto i modi di approcciarvisi durante lo sviluppo di un nuovo gioco.

E a proposito di sviluppo: il progetto iniziale si limitava a offrire un ambiente in cui cavarsela senza alcun tipo di aiuto, ma a oggi Green Hell risulta essere un prodotto più maturo visto l’impegno dei suoi creatori nel dare importanza ai feedback raccolti. Ciò che prima era alla pari di un sandbox privo di narrativa, infatti, ora si distingue proprio a partire da essa grazie a un’interessante modalità Storia che racchiude in sé l’anima del gioco.

Meno banale del previsto

Vestendo i panni dell’antropologo Jake Higgins, i giocatori si ritrovano quindi nel mezzo della foresta amazzonica in compagnia dell’interprete nonché moglie Mia, allo scopo di stabilire un contatto con la tribù perduta degli Yabahuaca per motivi che inizialmente appaiono imprecisati. A partire da questo incipit che coincide con il tutorial, la trama di Green Hell accompagna gli utenti per una media di 15 ore in cui le incognite vestono un ruolo che definirei sostanziale.

Il misterioso intreccio che ne consegue, più strutturato di una banale missione di salvataggio come ne abbiamo viste a decine e costituito da dialoghi a scelta multipla senza pretese, ha radici che altri survival tendono a non vantare e la cosa migliore di questo aspetto, prima ancora dell’inusualità, è la sapienza con cui è stato aggiunto al gameplay primigenio senza alterarlo.

Snaturare il cuore pulsante di questa esperienza marcatamente survival, dopotutto, avrebbe potuto celare agli occhi le idee migliori insite in Green Hell, le stesse che gli valsero le nomination come Best Game e Best Design ai CEEGA (Central & Eastern European Game Awards) del 2019. Per questo motivo, la scelta di lavorare sul background narrativo inserendo indizi nella mappa come fossero tasselli di una linea temporale, si è rivelata convincente.

Green Hell, Green Hell Recensione, Green Hell Review, Videogiochi Survival, Creepy Jar
Va anche detto però che una narrativa di questo tipo, che premia cioè l’esplorazione, potrebbe dimostrarsi un po’ fumosa in più di un’occasione e non fornire prontamente le risposte a ogni domanda. Uomo avvisato, mezzo salvato.

Il prezzo da pagare per chi vuole tutto

Il fatto che l’ambizione di Creepy Jar fosse quella di trovare equilibrio tra la natura dei giochi casual e i simulatori di stampo hardcore, emerge fin da subito. Green Hell ti abbandona nella natura più selvaggia con una pacca sulla spalla e l’augurio di non morire, salvo poi impegnarsi a farti sudare per sopravvivere quanto basta a vedere le luci del giorno dopo.

Raccogliere materiali, procurarti del cibo, accenderti un fuoco e improvvisare un riparo sono cose essenziali in un gioco del genere, ma Green Hell non si limita all’accumulo di risorse regolato da una loro gestione oculata, dato che arricchisce tali fattori con strati ulteriori di profondità e affiancandoli a scelte che avrebbero dovuto garantire una stabilità.

L’affidarsi a una bussola badando alle tue coordinate, il dover seguire necessariamente una dieta equilibrata, l’importanza di studiare l’ambiente circostante con un occhio di riguardo alla tua sanità mentale; sono cose preziose per chi cerca un survival puro che lo prenda a sberle come farebbe l’Amazzonia, ma il peso di queste meccaniche è tutt’altro che indifferente e il loro bilanciamento – per quanto ricercato – non rientra fra le virtù possedute da Green Hell.

Il principale sintomo di questa evidenza è da ricercarsi nei ritmi di gioco che presentati come lenti e distanti da un’esperienza improntata all’azione, cosa scontata per un survival specie durante le prime ore insieme, portano i giocatori a non sentirsi liberi di esplorare l’inferno verde perché impegnati a ripetere sempre la stessa routine comportamentale: procaccia, cucina, mangia, liberati continuamente delle sanguisughe, riposa e ripeti.

Green Hell, Recensione Green Hell, Green Hell Review, Videogiochi Survival, Creepy Jar
I pericoli sono talmente tanti da farci rimpiangere i nostri passi e gestirne le conseguenze, quasi sempre letali, si delinea immediato dopo una marea di fallimenti. Questo, oltre a frustrare i neofiti del genere potrebbe annoiare chi lo mastica da anni, che pur senza morire in continuazione si troverebbe ingabbiato nel loop descritto.

Eppure il fascino non si discute

In questa sorta di solido ciclo che (concedimi l’azzardo) se preso in disparte richiamerebbe un roguelite, Green Hell inserisce altre idee interessanti che non posso ignorare: un abbozzato sistema di sviluppo che compensa l’eventuale tempo perso crepando, un clima mutevole che rende la mappa dinamica a seconda delle frequenti precipitazioni, la possibilità di analizzare gli arti di Jake per una diagnosi affrettata e quella ancor più importante di giocare il titolo in compagnia di tre amici.

Multiplayer a parte, nessuna di queste basterebbe forse a cambiare il giudizio di chi non brama una sfida ma considerando che si parla di un gioco messo in piedi da poche persone (meno di 20), è giusto riconoscere a Green Hell un potenziale ragguardevole. Anche il sistema di crafting e le numerose combinazioni poste in mano ai giocatori volenterosi: tra armi, costruzioni, strumenti di difesa e molto altro, riflettono uno spessore che tiene testa ad alcuni tra gli esponenti più apprezzati del genere.

È per questo motivo che basterebbe ricalibrare le proporzioni del gioco, andare ad agire sul bisogno di cibo o sulla frequenza con cui riposare, rendendo il realismo più verosimile e non un ostacolo martellante. Piccoli accorgimenti insomma, che potrebbero però far apprezzare l’opera a più persone senza che si sentano inadeguate pur selezionando una difficoltà mediana.

Green Hell, Green Hell Recensione, Green Hell Roadmap, Videogiochi Survival, Creepy Jar
Il futuro del gioco comunque sia è nitido ma non segnato, e a dimostrarlo senza indugi è la roadmap che trovi qui sopra. Fortunatamente, ciò significa che non è da escludere l’arrivo di una patch che si occupi di abbinare certe correzioni ai nuovi contenuti.

Tecnicamente claudicante

I limiti più evidenti di Green Hell rimangono però sul fronte tecnico e senza puntare alla Croce Rossa parlandoti di animazioni lignee, feedback dei colpi inesistenti e texture lampeggianti, posso dire che gli sforzi fatti sfruttando Unity non riescono a nascondere la sua resa grafica non pulita. L’ambiente ricco di vegetazione in cui vive una fauna variegata, invece, riesce a essere più efficace grazie alla visuale in soggettiva che permette un’immersione altrimenti impensabile.

Anche colonna ed effetti sonori, malgrado si potesse fare di più, aiutano nel sentirsi in mezzo a tutto quel verde ma ci tengo che gli ultimi caratteri di questa mia recensione vadano a esporre un altro difetto riscontrabile in Green Hell: la mappatura e gestione dei comandi. Poco importa che dalle opzioni sia possibile scegliere fra più alternative, il problema rimane ed è quello di un videogioco studiato per PC e arrivato sulle console in una veste malagevole.

La presenza di un menù radiale non è infatti sufficiente a facilitare azioni come l’amministrazione dello zaino, che vista la presenza di un limite al peso trasportabile appare importante come il raccogliere cose utili da terra. L’utilizzo di un puntatore identico a quello di un classico mouse, denudato per ovvie ragioni della sua precisione chirurgica, non migliora una situazione già di per sé ostica. Fortunatamente, ci si abitua a tutto.

Scheda confidenziale su Green Hell

L’antropologo Jake Higgins e sua moglie Mia tornano in spedizione nella foresta amazzonica, con lo scopo di avvicinare un’antica tribù del posto. Le cose, però, non andranno come sperato.

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

Con i suoi 26 trofei di bronzo, le sue 10 coppe d’argento e il suo trio di riconoscimenti aurei, il Platino di Green Hell si preannuncia essere un obiettivo tutt’altro che semplice. Se hai poca pazienza e non ti consideri un esperto cacciatore di trofei, pronto a tutto pur sfoggiare un premio che in pochi riuscirebbero a ottenere, faresti meglio a lasciar perdere.

Grafica

65

Impatto

70

Longevità

75

Sonoro

65

In sostanza, la versione PlayStation 4 di Green Hell si inserisce a gamba tesa nel panorama dei survival presenti su console, facendosi riconoscere sia per le belle trovate sia per il suo approccio che punta al realismo.

Al netto di un gameplay che verte fin troppo verso il pressante bisogno di cibo, minando costantemente i ritmi di gioco e della modalità Storia fino ad appiattire l’esperienza e spezzare la narrativa, la sensazione di trovarsi in un ambiente in cui sopravvivere a ogni costo è presente e riesce a convincere.

Tralasciando questa sua anima purista che potrebbe sconsolare chi sperava in una gita, così come le evidenti increspature che affliggono il comparto tecnico, Green Hell rimane un survival su cui puntare se si ama il genere o l’idea di mettersi alla prova da soli o in compagnia di amici.

VOTO COMPLESSIVO

6.7

4 1 vota
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Commento
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
1
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro