GRAMMY Awards

GRAMMY Awards: i videogiochi avranno una categoria

L'academy ha creato questa nuova categoria per glorificare tutti gli artisti del mondo videoludico

Non è un segreto che molti videogiochi abbiano colonne sonore meravigliose che commuovono e conquistano il cuore dei giocatori. Menzionare tutte le opere degne di nota è semplicemente impossibile, il che la dice lunga sull’incredibile lavoro che fanno i compositori che lavorano nel settore videoludico. Ora, queste produzioni saranno finalmente riconosciute da uno dei premi più prestigiosi in campo musicale.

GRAMMY Awards

 

GRAMMY Awards: un passo avanti

Attraverso un comunicato stampa la Recording Academy ha annunciato che i GRAMMY Awards aggregheranno 5 nuove categorie, i quali entreranno in vigore nella 65a edizione della cerimonia che si terrà l’anno prossimo.

Naturalmente, la categoria che ci interessa è quella che riconoscerà l’eccellenza nel campo videoludico il quale sarà la “Songwriter Of The Year (Non-Classical) and Best Score Soundtrack For Video Games And Other Interactive Media”.

Ricordiamo che questa non sarebbe la prima volta che l’industria ha una presenza nella prestigiosa cerimonia musicale. Dobbiamo ricordare che Baba Yetu, la main ost di Civilization IV originariamente composta da Christopher Ti, ha vinto nella categoria “Best Instrumental Accompaniment for Vocalist” nell’edizione 2011, diventando così la prima opera di un gioco a vincere un GRAMMY Award.

GRAMMY Awards

D’altra parte, dobbiamo ricordare che Meta Knight’s Revenge, una melodia del classico Kirby Super Star, ha vinto nella categoria “Miglior arrangiamento, strumentale o A Cappella” nell’edizione dello scorso anno dei premi.

Pertanto si prevede che, dal 2023 i GRAMMY Awards riconosceranno la migliore colonna sonora dell’anno nel settore dei videogiochi. Quale sarà la prima produzione a vincere nella nuova categoria? Solo il tempo lo dirà.

“Siamo molto entusiasti di onorare queste diverse comunità di creatori musicali attraverso i premi e gli emendamenti di nuova istituzione e di continuare a coltivare un ambiente che ispira cambiamento, progresso e collaborazione”, ha dichiarato Harvey Mason Jr., CEO della Recording Academy.

Mantieniti aggiornato con le nostre ultime notizie.

Fonte

E tu cosa ne pensi? Quali sono le tue soundtrack preferite? Faccelo sapere nei commenti.

Jean Manuel Labate Castro
0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI