Ghostwire Tokyo PS5, Tango Gameworks

Ghostwire Tokyo è nato dalle ceneri di The Evil Within 3!

Emergono retroscena e dettagli interessanti sull'attesa esclusiva console PlayStation

Ghostwire Tokyo, produzione che si trova nella strana posizione di essere un’esclusiva PlayStation sviluppata, di fatto, da una software house ormai divenuta interna a Microsoft, sta lentamente conquistando sempre di più l’attenzione dei consumatori, e questa volta non solo per il nome del suo director.

Ghostwire Tokyo

Shinji Mikami, infatti, è il papà della serie Resident Evil, un vero e proprio colosso dell’industria che, negli anni passati, aveva fondato la sua personale software house, chiamata Tango Gameworks.

Questo studio, poi inglobato dal gruppo Zenimax, che a sua volta è stato recentemente acquistato da Microsoft, è balzato agli onori di cronaca per la pubblicazione di due titoli survival horror particolarmente apprezzati dagli appassionati al genere, ovvero The Evil Within ed il suo seguito che, ovviamente, erano diretti dal genio creativo di Mikami. 

Tango Gameworks

Ghostwire Tokyo ed i lavori su The Evil Within 3

Secondo delle recenti indiscrezioni, i lavori sul terzo capitolo della serie horror, che riusciva a coniugare gore e terrore psicologico, erano iniziati praticamente all’indomani di The Evil Within 2, anche considerando l’ottimo riscontro che lo stesso aveva ricevuto da parte della critica ma non in termini puramente commerciali.

Mikami ed il suo team, durante le prime fasi di sviluppo, si erano accorti della non totale aderenza delle loro nuove idee al concept del brand, ed in breve, quello che sarebbe dovuto essere The Evil Within 3 si trasformò in Ghostwire Tokyo, liberandosi di moltissime catene e barriere e aprendo agli sviluppatori numerose nuove possibilità.

Ghostwire Tokyo PS5

Del gioco, di cui da pochissimo abbiamo potuto osservane le meccaniche di gameplay in un evento PlayStation, spicca in particolare l’originalità del sistema ludico e sopratutto il comparto artistico, anche se alcuni hanno posto dei legittimi dubbi su alcune sue componenti generali.

Una notizia che conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, che Shinji Mikami possiede una vena creativa non indifferente che spesso diviene incontenibile.

Ghostwire: Tokyo

In attesa di capire che fine farà il brand di The Evil Within, non possiamo che aspettare con ansia Ghostwire Tokyo.

Fonte

E tu comprerai il gioco o aspetterai un suo rilascio su Game Pass? Faccelo sapere con un commento!

Francesco Barbalace
0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI