#IoRestoACasa

#IoRestoAcasa

Ghosts’n DJs: la nostra recensione

Se vi trovaste davanti a un demoniaco David Guetta o Pitbull che vuole uccidervi? Cosa fareste? La risposta è nella recensione

Un divertente platform in salsa pixel art anni ’80 che riprende in maniera evidente le meccaniche di Ghost’n Goblins, rivolgendosi di conseguenza a un pubblico di giocatori hardcore

Altre recensioni

Naviga tra i contenuti

L’era videoludica degli anni 80 si è distinta non solo per aver portato sulla piazza dei generi completamente nuovi ma soprattutto per l’elevata difficoltà che molti titoli possedevano all’epoca, uno di questi era proprio Ghost’n Goblins, dove il giocatore impersonava un cavaliere che doveva attraversare i vari livelli della mappa di gioco salvando la sua amata e tornando indietro, completando il percorso stabilito quindi due volte, il tutto condito ovviamente da mostri, potenziamenti vari e due possibilità di essere colpiti prima di passare a miglior vita. Ma facciamo un passo indietro…

Ghost’n Goblins DJ?

Molti generalizzano erroneamente la musica elettronica come “rumore commerciale” e Disk Joker come “persone che semplicemente suonano un set direttamente dai loro laptop”. Quello che potresti non sapere è che anche all’interno del circolo della musica elettronica ci sono molti DJ e produttori che disprezzano questi topper più ordinari, scritti da fantasmi e senz’anima. Alcune persone decidono di combattere la buona battaglia pubblicando album stimolanti e acclamati. Altre come la dott.ssa Kucho hanno deciso di esprimere il loro disprezzo per questi “mal di testa” con un videogioco. Ecco come è nato Ghosts’n DJs.

Un colpo molto sottile alla musica di Steve Aoki…

Per coloro che non lo sanno il Dr. Kucho è un vero produttore di DJ e musica che ha pubblicato innumerevoli brani presenti in tutta Europa, stiamo parlando di un individuo che si è esibito a Tomorrowland e Ibiza innumerevoli volte.

Sviluppato da Dr. Kucho! Games Ghosts’n DJs non evita il fatto che si tratta fondamentalmente di una nuova mano di paiting sui classici loop e controlli di gioco del già citato in precedenza Ghosts ’n Goblin. Il modo in cui il personaggio si muove, attacca, raccoglie potenziamenti e salta è identico al classico titolo arcade di Capcom. Sfortunatamente il gioco confonde le limitazioni hardware e gli ostacoli di progettazione come se fossero caratteristiche nostalgiche. I salti sono una meccanica di cui potevamo fare sicuramente a meno,  dato che non consentono di cambiare direzione mentre si è in onda.

ghost dj
Il salto così come l’andatura del personaggio è praticamente identico al popolare Ghosts’n Goblins

La prima cosa che differenzia il gioco da quello per NES e compagnia bella è che sarà possibile selezionare la difficoltà per quanto la quantità di livelli sia ridotta veramente all’osso e una barra della salute che ci consterà di subire colpi per 4 volte prima di morire.

Infine, e questo è importante, il rilevamento delle collisioni non è così terribile come quello presente nei Ghosts ‘n Goblin originali. Ciò rende il titolo un piccolo arcade divertente da giocare in rapide partite poiché non avrai bisogno di più di mezz’ora per completare un’intera sessione, che varierà a seconda della difficoltà e dell’abilità del giocatore di turno.

Facciamo fuori i DJ!

Ciò che rende interessante Ghosts’n DJs non è certamente il gameplay, ma la sua ambientazione, la resa grafica e la colonna sonora sono ciò che lo distinguono dal resto degli altri cloni del genere. Nel gioco controlleremo lo stesso Kucho uccidendo orde di nemici basati su David Guetta, Steve Aoki, Pitbull e Paris Hilton (adorabilmente chiamata “Paris Sheraton”, qui). Cominceremo avendo come unica arma dei mixtape che useremo come proiettili evolvendoli successivamente raccogliendo i vari bauli sparsi per la mappa in chiavette USB, CD e dischi in vinile, fino a quando non acquisiremo il potenziamento finale che ci trasformerà in Deadmau5, consentendoci di sparare dei gatti con i colori dell’arcobaleno. Sì Ghosts’n DJs è anche questo.

ghost dj
Se nel quadro non è raffigurante Daniel Pesina è qualcuno che deve assomigliarli molto…

Il pregio più grande di questo titolo è sicuramente la colonna sonora, d’altronde era abbastanza scontato visto che a produrre il gioco è stato proprio un DJ. Quando sceglieremo di giocare con le melodie di Deadmau5 riprodotte sul retro, sentiremo l’incastro perfetto quando tonnellate di demoni volanti con la faccia di Steve Aoki ci inseguiranno e cercheranno di ucciderci.

ghost dj
Sì, indossiamo il casco di Deadmau5… Sì, stiamo combattendo la versione demoniaca di David Guetta…

Ghosts’n DJs non presenta buoni controlli e il suo messaggio contro i DJ “di plastica” a volte può essere infantile, ma allo stesso tempo molto divertente in brevi sessioni, soprattutto perché non è affatto esasperante come Ghosts ‘n Goblins.

Pixel Art ben realizzata

Colonna sonora magistrale

Ideale per brevi sessioni

Combattere David Guetta

Sfida alta per i giocatori occasionali

Stesso identico gameplay di Ghost'n Goblins

Sistema di controllo pessimo

14 trofei da sbloccare, che vanno dal completare il gioco a tutti i livelli di difficoltà fino al raccoglimento dei vari oggetti sparsi per i livelli

Grafica
75
Sonoro
80
Longevità
40
Impatto
60
Voto
VOTA
0

Ghosts’n DJs porta un divertente platform che mira al pubblico di giocatori hardcore in salsa retrò, ma che non riesce a decollare per via dell’evidente gameplay copiato spudoratamente da Ghost’n Goblins, portandosi appresso tutte quelle meccaniche pesanti che potevano tranquillamente essere tralasciate.

0

Commenti

1007

Miei

0
0
0
0

La tua opinione conta!