1
0

0

Fishing North Atlantic: 7 mari e 7000 bestemmie

Un'occasione sprecata, un gran bel progetto realizzato con i piedi, praticamente ingiocabile: diamo inizio al bagno di sangue

Bug irreversibili, sistemi marci e fatti male, meccanismi pensati malissimo e realizzati anche peggio: questo e molto altro nella nostra recensione di Fishing North Atlantic

Altre recensioni

Speciale 26 minuti fa
Speciale 21 ore fa
Outbreak: Epidemic 29 Ottobre 2020
Onee Chanbara Origin 29 Ottobre 2020
Unmemory 29 Ottobre 2020
Transient 28 Ottobre 2020
Naviga tra i contenuti


Fishing North Atlantic… hai mai sentito l’espressione impreca come un marinaio? Ebbene, le bestemmie e le imprecazioni non sono di certo mancate durante le nostre partite a questo simulatore di pesca. Probabilmente questo è da considerarsi come un eccesso di realismo inserito nel gioco da parte degli sviluppatori, che hanno evidentemente voluto farci immedesimare a pieno nei panni del marinaio incazzato nero in mezzo al mare. Ma bando alle ciance e cominciamo a parlare di Fishing North Atlantic e di come si sia rivelato, perlomeno al momento, una grande delusione e un’occasione sprecata.Fishing La nostra prima barchetta, Fede.

In principio fu l’arpione

Desideriamo partire subito dai punti deboli di Fishing North Atlantic, che ne determinano irreparabilmente la dipartita. Il gioco inizia con un semplicissimo, in teoria, incarico: dovremo prima imparare i comandi di base per governare la nostra piccola barca, come muovere il timone sia dalla cabina che dall’albero, come muoverci liberamente per l’imbarcazione e come segnare una rotta sulla mappa. Dopodichè ci ritroveremo alle prese con un banco di pesci-spada, dovendone arpionare almeno uno per poi tirarlo sulla nostra imbarcazione. E qui, signore e signori, avrà  inizio l’incubo.

Cosa non funziona? Niente.

Un sistema di mira, quello dell’arpione, peggiore di quello presente in Fishing North Atlantic non lo si vedeva da moltissimo tempo. Prevedere l’esito o, quantomeno, la direzione di un lancio sarà  letteralmente impossibile. A volte l’arpione andrà troppo in alto, a volte troppo in basso, oppure troppo a destra, o ancora troppo a sinistra. Questo renderà  la fase di cattura dei pesci estremamente frustrante e insensatamente difficile. Dovrebbe essere presente un meccanismo che, sì, renda l’idea della difficoltà  di questo metodo di pesca in mare aperto nella vita reale (dopotutto, è un simulatore) ma che, allo stesso tempo, renda il tutto fattibile, giocabile. Invece, prenderemo il nostro pesce-spada dopo una marea di tentativi.Fishing

Un bug oceanico

Un’ultima parola sull’arpione: abbiamo provato a mirare nello stesso identico punto, dallo stesso identico punto della barca, con il motore spento. Ogni singola volta, l’arpione è andato in una direzione totalmente diversa: lo ripetiamo, prevedere l’esito del lancio è impossibile. Comunque, una volta preso il pesce, ci ritroveremo alle prese con un vero e proprio gioco d’azzardo. Dato il tempo che abbiamo speso in prove e tentativi vari, siamo giunti alla conclusione che il seguente sia un bug della peggior specie e nient’altro: per tirare su il pesce dovremo tenere premuto il tasto E. Tuttavia, la maggior parte delle volte, la preda resterà  immobile in acqua, totalmente immune alla nostra lenza e ciò ci costringerà a ricominciare da capo.Fishing

Un gioco pensato male…

Insomma, dopo aver completato per puro miracolo il tutorial di Fishing North Atlantic, dovremo dirigerci al porto per vendere la nostra preda. Dopo quelli che sembrano mesi, giungiamo a destinazione e compare una stupenda scritta: Tieni premuto E per ormeggiare. Ok, nulla di più semplice. Ma alla pressione di E non accade nulla. Le bestemmie diventano sempre più profane e dissacranti. Vaghiamo per la barca come lo spettro di Davy Jones sull’Olandese Voltane alla ricerca di una cima d’ormeggio o di un’ancora, senza che il gioco fornisca uno straccio di spiegazione. Alla fine, dopo una vita, capiamo da soli come ormeggiare, vendiamo il nostro pesce e ripariamo lo scafo, che avevamo sfondato contro il porticciolo in preda alla furia.Fishing

…e realizzato peggio

Dopo questa simpatica avventura, Fishing North Atlantic ci propone una missione: dirigerci in un porto lontano per prendere in carico della merce e consegnarla altrove. Nessun problema, se non fosse che il porto lontano è veramente, veramente tanto lontano. Una volta fissata la rotta, ben 15 km ci separeranno dall’obiettivo e ci ritroveremo davanti, per un’eternità , null’altro che una vista come quella nell’immagine sopra. In Fishing North Atlantic c’è il viaggio rapido, certo, ma solo verso i luoghi già visitati. Insomma, questa è roba che stroncherebbe qualunque appassionato di simulatori, gestionali e/o giochi di pesca. O si tratta di noia o di frustrazione o di entrambe. Questo gioco è fatto male, non funziona.

Fishing

Non si salva proprio nulla?

C’è da dire che la selezione musicale di Fishing North Atlantic è ottima. In barca c’è una radio, che potremo usare per importare brani a nostro piacimento o ascoltare così com’è: brani come Never Gonna Give You Up di Rick Astley oppure Highway to Hell degli AC/DC, ci accompagneranno durante le nostre infinite navigazioni. Il pannello di controllo è inoltre molto vasto e dettagliato, potremo disporre liberamente di tutte le luci della barca e muovere il nostro faro, comunicare con i membri dell’equipaggio, chiamare aiuto alla radio al costo di 8000$, suonare la sirena e molto altro. Anche il lato gestionale è ben fatto e ci permetterà di investire il nostro denaro in vari modi.Fishing

Un vero peccato

Ci dispiace di aver dovuto fare questo bagno di sangue. Eravamo entusiasti di provare un simulatore non tanto di pesca ma della vita di un pescatore, con la gestione dell’equipaggio, delle rotte, delle barche, dell’equipaggiamento e di tanti altri particolari. Tuttavia, Fishing North Atlantic ci ha profondamente delusi perchè, come abbiamo già  detto diverse volte, è ingiocabile. Speriamo davvero che futuri update e patch possano risolvere i problemi del gioco che, altrimenti, potrebbe rivelarsi molto più che valido, per appassionati e non. Fino ad allora, questo videogioco, disponibile su Steam a partire dal 16 ottobre, è davvero pessimo.

Ottima selezione musicale

Numerosi strumenti a disposizione

Bug/meccanismi che rendono il gioco ingiocabile

Pessima gestione dei tempi

Ci sono 47 trofei da sbloccare. Come al solito riguardano sia il completamento di certe azioni e obiettivi per la prima volta che il raggiungimento di alcuni traguardi, come 100 pesci di una certa specie pescati o soldi guadagnati. Peccato che, in questo stato, sarà  già  un miracolo riuscire ad accaparrarsi i primi trofei.

Grafica
65
Sonoro
80
Longevità
30
Impatto
30
Voto
VOTA
1

Per ora, Fishing North Atlantic è una delusione quasi totale. Poteva essere il sogno erotico di ogni appassionato del genere e invece si rivela un prodotto pensato male e realizzato peggio. Bug e meccaniche insensate ed una pessima gestione dei tempi di navigazione rendono il gioco attualmente ingiocabile. Speriamo in qualche patch e/o update che possano risolvere il più presto possibile questo disastro.

0

Commenti

1297

Miei

1
0

Registrati!
in iCrewPlay diamo valore al tuo pensiero!