EA microtransazioni

Electronic Arts – Nuove regole a tutela dei minori per le microtransazioni

Electronic Arts torna nell'occhio del ciclone per le microtransazioni, stavolta la software house ha attuato delle limitazioni per gli acquisti in-game.

Pubblicità

Un DLC di Minecraft? Assolutamente no! Bonfire Peaks ti metterà alla prova per fare una cosa sola: bruciare il tuo passato e andare avanti nella tua vita. Magari scalando una montagna.

Speciale

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Electronic Arts torna spesso a far parlare di sé in termini, purtroppo, quasi mai lusinghieri. La società statunitense è infatti molto spesso al centro di polemiche riguardanti loot box e microtransazioni onnipresenti nei propri titoli, specialmente a partire dal 2017, anno in cui il sistema di loot boxes di Star Wars Battlefront II suscitò moltissimo clamore essendo considerato al limite del gioco d’azzardo e fin troppo vantaggioso per gli utenti disposti a spendere, andando a devastare totalmente l’equilibrio di gioco.

Il caso mediatico relativo a Star Wars Battlefront II portò molti Stati a riflettere sulla questione e a prendere misure adeguate, l’industria videoludica ne vede gli affetti ancora oggi (di recente anche il popolare Genshin Impact è stato bandito in Belgio a causa del suo sistema da gatcha) e la stessa Electronic Arts ha iniziato una sorta di “cammino di redenzione” atto a ripulire la propria immagine.

Al netto di qualche scivolone (con ad esempio il sistema di loot boxes di NBA 2K20 la cui grafica era in tutto e per tutto paragonabile a una roulette), l’azienda si è dimostrata propensa a tutelare i consumatori pur preservando i propri guadagni, e quello delle ultime ore è forse il passo più importante in questa direzione. Infatti, Electronic Arts ha stabilito insieme ad alcune società italiane (Altroconsumo su tutte, tra le prime a segnalare il problema) la possibilità di creare tre profili differenti, ognuno con caratteristiche differenti:

  • Bambini: questa tipologia di account non può in nessun modo effettuare acquisti in-game né tantomeno accedere alle funzionalità online dei titoli,
  • Adolescenti (da 16 a 18 anni): gli utenti con questo tipo di account potranno accedere al comparto multiplayer online, ma non effettuare acquisti, andando così a modificare ulteriormente il precedente limite di 25 €,
  • Adulti: questo tipo di account riguarda solo i maggiorenni e ha  accesso a tutte le funzioni online e le microtransazioni.

Inoltre, Electronic Arts specifica che gli account dei genitori potranno in qualunque momento intervenire su quelli dei figli, andando così a modificarli o a impostare dei margini di spesa per i profili Adolescenti. I provvedimenti presi dall’azienda hanno soddisfatto l’ente Antitrust, che ne  ha riconosciuto e lodato l’impegno nel campo della tutela del consumatore.

Resta con noi per rimanere aggiornato sulle ultime novità relative a Electronic Arts e ai suoi titoli!

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Cosa ne pensi di queste nuove normative di Electronic Arts? Funzioneranno? Faccelo sapere nei commenti!

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro