DOOM (1993)

DOOM: la creatività dei fan non ha limiti

Ancora una volta DOOM è protagonista di un divertente "esperimento"

DOOM è uno dei classici più importanti nel mondo dei videogiochi, il titolo ha fatto fare un passo da gigante al genere degli sparatutto. Senza dubbio giocare a DOOM è fantastico ma può diventare ancora più divertente in base a dove e come lo giochiamo.

Non è un segreto che il leggendario FPS creato da John Romero e John Carmack sia stato portato su tutti i tipi di dispositivi, inclusi elettrodomestici e apparecchiature per ufficio, tuttavia gli appassionati non si fermano mai ed ora qualcuno lo sta giocando con un vecchio telefono a cornetta.

Doom venticinquesimo anniversario

DOOM: Un classico che non stufa mai

Forse le nuove generazioni trovano sorprendente e bizzarro il modo in cui i telefoni fissi venivano utilizzati con i caratteristici dischi che hanno che ci permettevano di comporre il numero desiderato. Di recente questa tecnologia è stata riportata in auge da un appassionato della scena Arduino (noto subreddit focalizzato alla tecnologia) che è riuscito a giocare a DOOM con questo tipo di telefono.

DOOM

Greg Smith un programmatore di Calgary, (Canada) ha descritto il suo esperimento come il “modo più orribile” per giocare all’FPS di Id Software, dato che per giocare è necessario girare il disco ogni volta che si vuole fare un passo, assegnando un numero ad ogni direzione ovviamente anche gli spari vengono effettuati con il disco del telefono, di certo non è la forma più adatta per giocare al titolo per via dell’eccessiva lentezza dei comandi rispetto alla velocità ed l’agilità di cui DOOM ha bisogno.

Playing DOOM with a rotary phone "gamepad" (pro micro) from ArduinoProjects

Mantieniti aggiornato con le nostre ultime notizie.

Fonte

E tu cosa ne pensi? Hai mai giocato a DOOM? Faccelo sapere nei commenti.

Jean Manuel Labate Castro
0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI