fbpx

Days of War – La recensione

Days of War, l'ultima fatica di Driven Arts, è arrivata ufficialmente su tutte le principali piattaforme videoludiche...sarà all'altezza delle aspettative?

Days of War è uno sparatutto in prima persona online che reinventa i classici sparatutto a squadre ambientati nella Seconda guerra mondiale e caratterizzati da scontri ravvicinati e ininterrotti.

Altre recensioni

Infliction 15 ore fa
Darksburg 19 ore fa
DCL - The Game 21 ore fa
Rune Factory 4 Special 27 Febbraio 2020
Necronator: Dead Wrong 26 Febbraio 2020
Fred3ric 24 Febbraio 2020
Company of Heroes 23 Febbraio 2020
Naviga tra i contenuti

Days of War, l’ultima produzione della software house Driven Arts e dell’editore Graffiti Games, è stato rilasciato ufficialmente su tutte le principali piattaforme videoludiche lo scorso 30 gennaio 2020, dopo un lungo periodo vissuto da Early Access (26 gennaio 2017) sulla piattaforma di Steam. Questo titolo va a inserirsi timidamente in una categoria “affollata e spietata” come quella degli FPS (Fist Persona Shooter) Online, che attualmente vede come punti di riferimento l’ultima fatica di Infinity Ward e Blizzard Entertainment, cioè Call of Duty: Modern Warfare, il famigerato Fortnite di Epic Games, il giovane World of Warships, ecc.

Il titolo shooter di Driven Arts si presenta ai giocatori di tutto il mondo come un FPS classico e privo di “fronzoli” caratterizzato dalle sue ambientazioni legate indissolubilmente a un periodo storico fondamentale come quello della Seconda Guerra Mondiale, riuscendo così a riportare alla mente dei giocatori più vecchi brand videoludici del calibro di Medal of Honor (1999-2012), con l’unica differenza che questo non credo sia capace di restare nel cuore di milioni di appassionati del genere.

Days of War want YOU!

Screenshot di Days of War

Come ho detto in precedenza, Days of War è ambientato durante il Secondo Conflitto Mondiale, un periodo storico che ha segnato inevitabilmente l’intera razza umana per la grande quantità “di sangue versato”. Differentemente da altri titoli della categoria, quello di Driven Arts non presenta alla sua “base” nessuna trama e, di conseguenza, nessuna campagna da intraprendere in Single Player. Per questo motivo, Days of War resta un titolo votato esclusivamente al Multiplayer, con un’offerta videoludica dedicata a coloro i quali desiderano solamente essere catapultati sul campo di battaglia impugnando la propria arma.

Il giocatore verrà trasportato all’interno di diverse mappe, più o meno grandi, con l’unico obiettivo di eliminare i membri della squadra avversaria e di catturare le loro bandiere. All’inizio di ogni partita sarà possibile scegliere la propria fazione (Tedeschi o Alleati) e la propria classe di combattimento tra ben sei disponibili, quali: Rifleman, Assault, Support, Sniper, Machine Gunner, Rocket. Ognuna di queste sarà caratterizzata da un equipaggiamento unico e non modificabile, con determinati punti di forza e altrettanti limiti.

Il fascino della Seconda Guerra Mondiale

Screenshot di Days of War

Days of War fa della semplicità il suo punto di forza (…vedi la mancanza di una trama o di classi modificabili) e riesce a trasmettere il peso di questa scelta anche sul suo gameplay, caratterizzato dai canonici movimenti “accovacciato, sdraiato, salto” e dalla possibilità di poter passare dall’arma principale a quella secondaria, passando per qualche granata a frammentazione. Nessuna “Kill Streak” o “particolare abilità da attivare” è presente all’interno del gioco, per questo motivo, se sei un appassionato di serie come CoD non credo che questo titolo faccia al caso tuo.

Nonostante la semplice struttura alla base del gameplay, che lo rende facile da apprendere e piacevole da giocare, l’esperienza di gioco resta di bassa qualità a causa degli innumerevoli problemi tecnici presenti al suo interno. Tra questi ci sono sicuramente l’effetto ragdoll, che mi ha fatto completamente rivalutare la sensibilità e i sentimenti di una bambola gonfiabile, e quello legato alla pessima sensazione restituita dall’utilizzo delle armi, prive di “peso e dalle scarse animazioni”, infatti, con qualsiasi arma di spari si avrà, sempre e comunque, la sensazione di star giocando a un titolo di quasi 30 anni fa (…in questo mi ha ricordato in tutto e per tutto il primo Medal of Honor), dove l’unica animazione restituita dopo uno sparo era quella di una leggera inclinazione all’indietro dell’arma. Lo stesso risultato si ottiene con il lancio di granate o tramite l’utilizzo di un lancia razzi, dove la differenza tra una bomba e un mortaletto è praticamente minima, anzi, credo che quest’ultimo sia molto più efficace e annoverabile come “arma di distruzione di massa”.

Altra nota di demerito va sicuramente a una IA (Intelligenza Artificiale) stupida, prevedibile e completamente no-sense, infatti, capiterà spesso di vedere soldati in giro per la mappa bloccati a guardare nel vuoto o impegnati a fare avanti e indietro in un “fazzoletto di terra”. Ma le sorprese non finiscono qui, perché posso dire con certezza che questo è il primo titolo dove anche l’IA si mette a “camperare” spudoratamente (…per i neofiti, camperare vuol dire stare fermi in un angolo ad aspettare il primo malcapitato per farlo fuori). L’esperienza di gioco non migliora nemmeno durante le sessioni PvP (Player versus Player), le quali presentano tempi biblici nella ricerca di una partita.

Salvate il soldato Design…

Screenshot di Days of War

L’unico elemento che mi sento di promuovere nell’offerta videoludica di Days of War è sicuramente il design grafico delle ambientazioni (…quello dei soldati è penoso!), che si presentano dettagliate, complesse quanto basta e perfettamente costruite sullo stile caratteristico dell’epoca. Ogni volta che si entrerà all’interno di una mappa di gioco si verrà immediatamente catturati dall’incredibile cura dei dettagli con la conseguente sensazione di trovarsi proprio all’interno di uno dei campi di battaglia che hanno caratterizzato la Seconda Guerra Mondiale. Lo stesso non posso dire per il comparto sonoro che va dritto a fondo con il resto “della barca”, incapace di adattarsi alle diverse situazioni di gioco e alle varie ambientazioni. Chiude questo “percorso degli orrori” una longevità decisamente bassa, vista la scarsa presenza di diverse modalità di gioco e l’inesorabile monotonia che attende l’utente dopo i primi 30 minuti.

Design delle mappe curato e bello da "vivere"...

Un FPS online ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale ha il suo fascino....

Gameplay rapido...

...ma i modelli dei soldati sono ridicoli

...peccato per tutto il resto

...ma troppo "farcito" di problemi tecnici

Le armi non "hanno peso"

IA stupida e decisamente no-sense

Nessun trofeo è previsto nella versione Steam

Grafica
60
Sonoro
50
Longevità
50
Impatto
40
Voto
VOTA
0

Days of War è un titolo FPS (First Person Shooter) Online che fa della semplicità il suo punto di forza, mettendo a disposizione del giocatore il “minimo indispensabile” per saziare la sua sete di guerra. Un design grafico (…delle sole ambientazioni) degno di questa generazione videoludica non riesce a salvare un gioco afflitto dalla mancanza di una trama, da un gameplay “farcito” di problemi tecnici, da un comparto audio decisamente sotto le aspettative e da una longevità troppo bassa. Posso solo definire Days of War come la più classica delle occasioni sprecate.

0

Commenti

988

Miei

0
0
0
0

La tua opinione conta!