Clash of Chefs VR

Clash of Chefs VR: un divertente arcade culinario

Oggi mangiamo virtuale

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp

Clash of Chefs VR è uno di quei titoli che meglio si presta alla realtà virtuale; un titolo basato sulla cucina, il quale però offre un approccio più arcade in stile Overcooked, piuttosto che simulativo. Il nuovo titolo di Flat Hill Games ci darà la possibilità di vestire i panni di uno chef e affrontare le sue giornate lavorative al ristorante, preparando nel minor tempo possibile i piatti richiesti dai clienti evitando loro snervanti attese.

Cercando di fare della semplicità del gameplay e della immediatezza i suoi punti di forza, Clash of Chefs VR cercherà di coinvolgere sia gli appassionati del mondo culinario, che coloro i quali non hanno il coraggio di mettersi ai fornelli nella vita reale, dando la possibilità di farlo in modo virtuale con tutti i pro che ne derivano (in primo luogo il non dover pulire tutto il disastro fatto durante la cucina). Andiamo a scoprire di più nella recensione.

Clash of Chefs VR

Clash of Chefs VR: gameplay e meccaniche

Indossato il caschetto per la realtà virtuale, il titolo andrà subito al punto; non ci saranno lunghi tutorial o altro, ma saremo catapultati immediatamente dietro al bancone del nostro ristorante con i clienti che cominceranno a prendere posto ed effettuare le ordinazioni. Niente panico: di fronte alla nostra postazione avremo un video che ci mostrerà come preparare i vari piatti richiesti e che potremo disattivare una volta padroneggiata la ricetta.

Clash of Chefs VR ci darà la possibilità di scegliere fra 4 tipi di cucina: americana, italiana, messicana e giapponese, tutte ovviamente ben diversificate fra loro e che offriranno diverse pietanze e macchinari per prepararle. La mia prima scelta è stata la cucina italiana (si, abbiamo tanti problemi ma la nostra cucina non si tocca) e subito una musichetta in pieno stile pasta pizza mandolino mi ha accompagnato dietro il bancone del mio ristorante.

Con un primo sguardo alla nostra postazione, riusciremo a notare quali strumenti saranno presenti; trattandosi di cucina italiana ovviamente ho trovato il forno, un distributore di bibite e il bollitore per la pasta. Le prime ordinazioni sono state delle pizze; ogni ordine ci verrà mostrato su un display con il tempo che ci rimarrà per completarlo, rappresentato da una barra orizzontale di tre colori, verde giallo e rosso, che indicheranno il livello di soddisfazione del cliente. Se non riusciremo a servire l’ordinazione prima dello scadere del tempo, il cliente andrà via arrabbiato. Ognuno dei tre colori ci darà un punteggio che andrà a sommarsi con tutti gli ordini del livello, fornendoci il nostro risultato totale, con tanto di classifica online globale.

Inizialmente le ricette di Clash of Chefs VR saranno basilari: stendi la pasta per la pizza, mettici la salsa di pomodoro e il formaggio sopra e aggiungici uno o più fra i diversi ingredienti richiesti, come funghi, prosciutto e tanti altri, prima di infornarla. Appena avrà raggiunto la cottura giusta, bisognerà posizionarla sul bancone di fronte a noi per far si che il nostro cameriere, del quale potremo personalizzare l’aspetto, la porti al cliente. Facile facile? Tutt’altro.

Clash of Chefs VR

Il vero gioco inizia quando, superati i primi livelli, le pizze ordinate saranno di diverse tipologie; la base sarà sempre la stessa, ma i clienti inizieranno a chiedere non solo quelle basiche, ma anche le più complesse con diversi ingredienti. A tutto questo aggiungi il fatto che, nel frattempo, ci sarà stato insegnato come preparare la pasta, la quale ovviamente sarà di tipi diversi con diversi condimenti, creandoci una sfilza di ordini misti. Perché non aggiungere che molti clienti vorranno anche una bella bibita fresca da bere? Quest’ultima poi sarà una vera spina nel fianco perché prepararla sarà semplicissimo, così come rovesciarla e doverla riempire nuovamente.

Insomma, dopo aver iniziato Clash of Chefs VR, di lì a poco ci troveremo a fare in contemporanea un numero assurdo di cose, magari preparando l’impasto della pizza nei quasi inesistenti tempi morti, posizionandola sul nostro già piccolo bancone. Questo è il cuore del titolo, con ognuna delle 4 tipologie di cucina che offrirà piatti e meccaniche diverse.

Modalità

In Clash of Chefs VR saranno presenti 4 modalità di gioco: campagna, casual mode, endless e sfida. Nella modalità campagna ci cimenteremo in ognuna delle quattro tipologie di cucina, per un totale di 80 livelli che andranno ad aumentare di intensità notevolmente man mano che ci avvicineremo a quelli finali; la modalità casual è ottima per fare pratica visto che gli ordini non avranno scadenza e potremo prepararli con tutta la calma del mondo; la endless mode invece, come fa intuire il titolo, ci permetterà di affrontare una sfilza infinita di ordini da preparare.

E adesso quella che sicuramente è una delle parti più divertenti di Clash of Chefs VR, la modalità sfida: dovremo competere contro un altro giocatore per vedere chi dei due sarà riuscito a soddisfare più ordini allo scadere del tempo. La cosa bella è che il nostro avversario sarà di fronte a noi quindi potremo osservarlo mentre si agita e si sbraccia in cucina oppure… bombardarlo di cibo, bicchieri e piatti per infastidirlo! Ovviamente anche lui potrà fare lo stesso, quindi prepariamoci a schivare gli hamburger e usare le pentole come scudo.

Clash of Chefs VR 2

Tecnicamente parlando

Clash of Chefs VR  graficamente si mostra semplice e colorato, adattissimo alla tipologia di gioco che rappresenta. Gli ambienti potevano essere più dettagliati in modo da coinvolgere di più il giocatore anche se devo ammettere che, una volta iniziati ad arrivare gli ordini, si sarà troppo impegnati per potersi guardare in giro nel ristorante.

Il sonoro è molto basilare e fa il suo, con la piccola chicca che ogni tipologia di cucina ha un motivetto a tema ispirato alla sua nazione.

I comandi sono immediati, ma qui ho riscontrato due piccoli difetti, ovvero un po’ di effetto calamita fra gli oggetti e un po’ di imprecisione quando si vanno a prendere gli ingredienti accostati nelle diverse vaschette. Si, a volte ti fanno sbagliare la ricetta ma niente che possa inficiare il divertimento che il titolo offre.

Durante le mie giornate di lavoro come cuoco virtruale in Clash of Chefs VR  non ho riscontrato nessun bug.

Scheda confidenziale su Clash of Chefs VR

Clash of Chefs VR ci permetterà di vestire i panni di uno chef e intraprenderne il lavoro in quattro diversi ristoranti, ognuno con il proprio stile di cucina. Il titolo è più orientato sulla tipologia arcade piuttosto che simulativa, anche se non mancheranno alcuni elementi di quest’ultima.

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

Clash of Chefs VR per Oculus Quest non dispone di obiettivi o trofei sbloccabili.

Grafica

70

Impatto

80

Longevità

70

Sonoro

60

Clash of Chefs VR è un gioco molto divertente che saprà divertire per diverse ore con gli oltre 80 livelli e 4 stili di cucina disponibili.

Il gameplay è immediato e semplice, ma riuscirà a farci sudare quando gli ordini dei clienti si accalcheranno l’uno sull’altro. Molto divertente anche la modalità sfida contro altri giocatori.

Alcuni piccoli difetti tecnici limano un po’ il risultato finale che comunque nel complesso rimane discreto

VOTO COMPLESSIVO

7

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro