Bright Memory

Bright Memory – La recensione della versione Series X

Un piccolo gioco che meritava un trattamento migliore

Molte volte abbiamo parlato di videogiochi in accesso anticipato o di anteprime di progetti che prima o poi si sarebbero concretizzati in qualcosa di più grosso. Ebbene questa volta si parla di un gioco che è riuscito a stupire molti videogiocatori PC alla sua uscita. Si parla dunque di Bright Memory, un titolo che è stato sviluppato da una singola persona e che fa capire quanto questo progetto debba essere supportato.

Probabilmente ora però starai pensando che il nome “Bright Memory” ti è piuttosto familiare, beh sappi che la tua mente non ti inganna, dato che Microsoft ha presentato il proseguimento di questo titolo (chiamato Bright Memory Infinite) come esclusiva del suo ecosistema.

Ma quello di cui parleremo oggi è appunto il primo Bright Memory e per la precisione della versione Xbox Series X del gioco. Sappiamo quindi che il titolo è stato un progetto davvero interessante, ma come è il suo porting sulla console ammiraglia di casa Microsoft? Se vuoi sapere la risposta a questa e ad altre domande, continua a leggere la nostra recensione!

Bright Memory

Poca storia ma tanta azione

Partiamo subito con una doverosa premessa, Bright Memory assomiglia più ad una demo che ad un gioco completo. Il titolo infatti può essere portato a termine in circa 40 minuti e non offre una grossa rigiocabilità. Detto questo iniziamo parlando velocemente della “storia” del gioco. In Bright Memory impersoneremo una ragazza di nome Sheila, che lavora per una organizzazione intenta a investigare sui fenomeni paranormali.

Ovviamente data la bassa durata del gioco, si può dire davvero poco sulla storia, ti dico solo che Sheila si ritroverà in una situazione ben peggiore di quella preventivata inizialmente. La protagonista ricorda per certi versi Lara Croft, ma solo nel nuovo gioco in arrivo nel 2021 potremo capire se è un personaggio caratterialmente valido. Lasciando ora perdere la storia, passiamo subito alla parte importante del titolo, ovvero il suo gameplay.

Bright Memory si presenta con un impianto classico da FPS, ma riesce comunque ad offrire degli spunti parecchio interessanti che cambiano parecchio le carte in tavola. Se infatti potremo utilizzare 3 classiche bocche da fuoco (pistola, fucile a pompa e mitragliatore), la faccenda si fa più interessante quando sfoderiamo la spada o le abilità speciali. Hai capito bene, in Bright Memory sarà possibile utilizzare una spada che riuscirà a colpire da lontano i nemici lanciando dei colpi di energia.

Come se non bastasse avremo a disposizione anche un rampino e un impulso d’energia capace di danneggiare i nemici (potenziandolo potrai addirittura fermare il tempo per qualche secondo). Insomma fidati che il gameplay del gioco difficilmente non ti entusiasmerà e questo ci rende davvero speranzosi per il seguito in arrivo nel 2021. Altro piccolo pregio sono la varietà di nemici che andremo ad affrontare, che spazieranno dai classici militari a delle bestie uscite direttamente da qualche libro dark fantasy.

Bright Memory recensione

Un porting davvero discutibile

Passiamo ora al lato tecnico di Bright Memory e purtroppo si tratta del suo problema principale, soprattutto se giocato su Xbox Series X. Bright Memory presenta un comparto tecnico piuttosto grezzo, ma che riesce tuttavia a mostrare una decente qualità a livello di immagine generale. Il problema arriva però quando ci si avvicina di più agli elementi a schermo e si notano parecchie texture a bassa risoluzione e diversi artefatti grafici non proprio piacevoli.

Ovviamente non ci si può aspettare troppo, dopotutto si tratta di un progetto creato da una singola persona. Ora però parliamo del vero punto debole, ovvero il porting che è stato fatto su console. Sembra che il gioco sia stato trasposto da PC a Xbox senza nessun tipo di ottimizzazione (non manca qualche calo di framerate) e questa cosa la si capisce soprattutto a causa dei menù (addirittura sono presenti le opzioni grafiche tipiche dei giochi su PC) che sono davvero ostici da utilizzare con il pad.

Questo difetto colpisce molto la giocabilità, perché rende davvero difficile compiere parecchie operazioni. Insomma è davvero un peccato che non ci sia stato nessun lavoro dietro la trasposizione su console di Bright Memory, perché sarebbe anche bastato poco per renderlo molto più godibile. Fortunatamente il seguito del gioco sembra essere stato pensato per le console, quindi quasi sicuramente non ci troveremo davanti a problemi simili.

Bright Memory recensione Xbox Series X

Conclusioni su Bright Memory

Bright Memory è quindi un FPS piuttosto particolare, che mette in campo molte idee buone. La longevità è parecchio scarsa, dato che si tratta di appena 40 minuti di gioco, ma ti assicuro che saranno 40 minuti piuttosto intensi. Graficamente il gioco si lascia guardare, ma quando lo si esamina più nel dettaglio, si capisce subito che gli errori non mancano.

Purtroppo questo porting su console si è quindi rivelato essere piuttosto deludente e azzoppa in buona parte quello che di buono ha la produzione. Infatti anche se Bright Memory è un piccolo progetto, avrebbe sicuramente meritato un trattamento migliore di quello che ha ricevuto per la sua conversione. Siamo sicuri che questo problema non si presenterà con il prossimo capitolo, ma la delusione rimane.

Concludendo si può dire che Bright Memory è più un’idea che un gioco vero e proprio, ma questa idea merita assolutamente di essere provata. Il consiglio è però quello di recuperare Bright Memory su un computer se si ha la possibilità di farlo, perché questa versione console non riesce purtroppo a rendergli giustizia come meriterebbe.

 

Scheda confidenziale su Bright Memory

Impersoneremo Sheila, una ragazza intenta ad investigare su dei fenomeni paranormali.

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

Il gioco dura 40 minuti quindi completare gli obiettivi sarà davvero facile.

Grafica

60

Impatto

60

Longevità

60

Sonoro

60

Bright Memory è un titolo che riesce a divertire davvero molto grazie al suo gameplay e infatti ci si rimane parecchio male quando si scopre che l’intera esperienza dura solo 40 minuti. Purtroppo oltre a questo la versione console del gioco è stata trascurata parecchio e molte volte diventa frustrante anche solo muoversi tra qualche menù. Nonostante tutto ti consigliamo di dare una possibilità al gioco, perché è un preludio di quello che arriverà nel 2021 con il suo seguito. Speriamo che in quel caso molti dei difetti svaniscano, anche grazie all’aiuto di Microsoft.

VOTO COMPLESSIVO

6

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Commento
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
1
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI