Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook

Voto

Bow to Blood

Analizziamo gli aspetti che compongono Bow to Blood: Last Captain Standing, titolo sviluppato da Tribetoy

Un'analisi del titolo mettendo in luce gli aspetti fondamentali che lo compongono.

Se vuoi maggiori informazioni su inserisci la tua email qui sotto:

Bow to Blood

Per chi ha sempre sognato di poter essere il capitano di un’aereonave solcando i cieli e ingaggiando battaglie all’ultimo sangue può soddisfare il suo desiderio grazie a Bow to Blood: Last Captain Standing, titolo sviluppato dal team di Tribetoy disponibile per PlayStation 4 e PlayStation 4 Pro tramite PlayStation Store e PC tramite Steam. Un titolo appositamente pensato per l’utilizzo del caschetto VR in quanto la struttura del titolo e il gameplay rende questa periferica ottimale per godere appieno ciò che ha da offrire.

Storia

Vestendo i panni di un capitano freelancer dovremmo farci strada per diventare il miglior capitano di tutti i tempi, dimostrando il nostro valore in battaglie aeree al di là di ogni immaginazione e acquisendo punti per poter scalare la classifica e rimanere tra i primi posti fino alla fine all’interno di un reality show trasmesso in diretta.
L’obbiettivo ultimo è diventare il campione dell’arena superando la stagione senza essere eliminati evitando il “voto” guadagnando abbastanza punti a ogni partita, in caso contrario i capitani delle posizioni più alte nella classifica voteranno chi degli ultimi classificati dovrà esser eliminato.

Gameplay

Bow to Blood: Last Captain Standing è pensato per la Realtà Virtuale anche se può essere ritenuto un optional per poter godere di ciò che offre questo titolo, sviluppato con prospettiva in prima persona dà l’impressione di essere davvero al timone della nostra aereonave da cui possiamo vedere il ponte e l’ambiente che ci circonda.
Durante le battaglie ad alta quota potremmo decidere le mansioni che i nostri due marinai robotici dovranno eseguire, premendo la freccetta direzionale sinistra tra le varie aeree del ponte che sono comprese tra:

  • Postazione Mitagliere: Tramite le due bocche di fuoco frontali, il marinaio addetto aprirà il fuoco verso i nemici che sono dinanzi a noi;
  • Postazione Scudo: Ad ogni colpo subito lo scudo perderà potenza, posizionando uno dei due marinai in questa postazione penserà ad aumentarne la resistenza tenendo premuto il tasto Quadrato e a ripararlo nel caso subisca danni;
  • Sala Motori: Offrirà una maggiore potenza ai motori permettendoci di aumentare la velocità massima;
  • Droni Intelligenti: Questa postazione aumenta la portata di individuazione dei bersagli intorno a noi.

Oltre alle mansioni, con la freccia direzionale destra si potranno decidere su quale elemento distribuire il carburante per avere una performance maggiore, premendo la freccia direzionale in basso si attiverà la mitraglietta a mano per gli scontri più ravvicinati mentre la freccia direzionale su potremmo equipaggiare una delle armi consumabili a disposizione, attivabili premendo il tasto Cerchio.
Nelle manovre che si eseguono con l’aereonave bisogna tenere in considerazione della grandezza di quest’ultima dovendo decelerare ogni qualvolta si vuole virare nella direzione pensata, usando l’analogico sinistro per decidere la direzione e usando i due tasti dorsali ovvero R1/L1 o RB/LB per accelerare o decelerare arrivando fino alla retro. Per l’ingaggio di un nemico si utilizzano i tasti L2/LT per agganciare il nemico e R2/RT per aprire il fuoco, l’analogico destro comanderà la telecamera a 180°.

Uno degli elementi principali del gioco comprende le alleanze che si possono creare all’interno delle stagioni di battaglia, si riceveranno inviti da parte degli altri Capitani partecipanti per instaurare un’alleanza così che le possibilità per entrambi di far salire la propria posizione in classifica aumenti. Alcuni di essi ci offriranno dei punti per instaurare l’alleanza, altri ne vorranno mentre altri ancora offriranno armi consumabili per ottenere la nostra fiducia offrendoci così uno sponsor.

Giocabilità

Parlando di un titolo pensato per la Realtà Virtuale come precedentemente detto l’utilizzo del solo joypad nel caso non si disponga di un caschetto VR o si scelga di non utilizzarlo, può portare a qualche difficoltà nel comandare l’aereonave e l’utilizzo della visuale. I comandi spiegati tramite tutorial iniziale richiedono un tempo non troppo lungo per essere memorizzati e usati al meglio, ma dopo un paio di missioni tutto diventa più facile. Possiamo dire che il caschetto per la Realtà Virtuale può migliorare e aumentare l’esperienza di gioco oltre che la godibilità del titolo, in quanto i comandi sono studiati appositamente per essere più intuitivi e facili con l’utilizzo di PlayStation Move.

Bow to Blood: Last Captain Standing è un titolo rivolto al divertimento e questo fa sì che non richieda troppo impegno o strategie studiate nei minimi particolari per essere giocato, dando agio al giocatore di poter godere di una sessione totalmente rilassante in termini di difficoltà.

Comparto Artistico

Per chi ha giocato i titoli come Borderlands e The Legend of Zelda: Breath of the Wild, la tecnica usata per creare il mondo di gioco riporta a quei paesaggi con uno stile cartoonesco ce un pizzico del film Il Pianeta del Tesoro per quanto riguarda il design delle aereonavi.
Le linee marcate e i colori brillanti rendono il titolo piacevole e ricco alla vista del videogiocatore che su PlayStation 4 Pro hanno una resa maggiore, con pochissimi colori opachi e fuori tono rispetto al resto dando omogeneità al mondo di gioco e nei scenari in cui è stato progettato.

Comparto Sonoro

Molto basilare ma ben progettato per un titolo del genere aiutando a capire la direzione dei colpi subiti nel vivo delle battaglie affiancando un segnale a schermo della direzione. I marinai ci diranno a voce ciò che sta succedendo intorno a noi, segnalando i colpi in arrivo o dirci quale delle sezioni delle navi hanno bisogno di riparazioni urgenti. Molto basilare ma ben strutturato e azzeccato per un titolo di questo genere.

  • Commento finale

Godibile e non troppo impegnativo

Ottimo per il VR

Design delle Aereonavi e degli scenari

8

Storia semplice

Disponibile solo in lingua inglese

Non poter cambiare tipo di Aereonave

Longevità 7

Grafica 7

Impatto 7

Sonoro 6

Possiamo concludere dicendo che Bow to Blood: Last Captain Standing è un titolo adatto a tutte le età e orientato a quei videogiocatori appassionati di titoli per VR oltre che per shooter in prima persona.
Gli elementi più significativi di questo titolo sono rappresentati dal facile gameplay e dalla difficoltà non troppo alta dei combattimenti, includendo scenari piacevoli alla vista risultando godibile nel complesso.

Il titolo prevede 33 trofei sbloccabili durante le battaglie, che variano dal colpire un certo numero di nemici all’instaurare alleanze.

Per favore fai il Login per commentare! Oppure registrati e colleziona giochi per salire di livello!
  Sottoscrivi  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp