Bloodborne

Bloodborne: 10 consigli per iniziare a cacciare

Se Bloodborne ti risulta troppo difficile, prova a leggere questi consigli.

Eccoci tornati con un articolo dedicato a Bloodborne. Questa volta ho intenzione di darti 10 consigli utili a iniziare la tua prima partita tra le strade di Yharnam e dintorni. Ovviamente tali consigli potranno essere sfruttati anche da chi già conosce il gioco, visto che c’è pur sempre la possibilità che tu non conosca alcune meccaniche o dettagli di cui andremo a parlare. Sappi inoltre che l’articolo sarà completamente privo di spoiler (tranne per una piccola eccezzione), se non per alcuni nomi di oggetti e location. Stai dunque tranquillo, la tua esperienza in questo fantastico titolo targato From Software non verrà intaccata in alcun modo.

Bloodborne premia l’esplorazione

Guardati intorno, fermati nei luoghi appena raggiunti e non correre subito per paura di essere nel mirino di qualche nemico. La morte in game è dietro l’angolo, è vero, ma l’esplorazione viene premiata sempre. Ciò significa che anche dopo aver terminato una zona, battuto il boss con la sicurezza di aver visto tutto, ti converrà sempre fare qualche passo indietro per accertarti che sia davvero così.

Controlla ogni anfratto, muovi la telecamera ovunque per cercare punti in alto da poter raggiungere o presunti dirupi che magari nascondono segreti e drop che altrimenti non avresti mai notato. Farlo potrebbe sembrare difficile, soprattutto se in presenza di un gruppo di nemici alquanto ostico da sconfiggere, tieni quindi a mente che ogni lanterna a cui ti fermerai li farà tornare in vita.

Bloodborne

L’importanza delle statistiche

Come ogni videogioco con elementi GDR, anche questo da importanza alle statistiche del tuo alter-ego. Se quindi sei alla tua prima partita, ed è la prima volta giochi a Bloodborne, ti consiglio di puntare su una build “semplice”, ovvero una che si concentri sulle statistiche Forza, Destrezza e Vitalità.

Inutile dire che non serve puntare al personaggio perfetto, e così facendo andrai a perderti alcune abilità e non potrai utilizzare determinate armi che troverai. Tuttavia tale build ti garantirà una vita più semplice, se accostata alle giuste armi e a uno stile di gioco adatto. Se inoltre vuoi sapere come e dove livellare al meglio nei primi momenti della tua avventura, qui troverai un articolo più approfondito, sappi che contiene alcuni spoiler però.

Rune, Gemme e Frammenti

Tramite questi tre oggetti potrai potenziare rispettivamente te e le tue armi. Non andrò a spiegarti per filo e per segno come ottenerli e come potenziare il tutto, ma mi limiterò a dirti che ad un certo punto del gioco capirai di essere entrato in possesso degli strumenti utili a farlo. Quando tale momento arriverà, spendi più tempo possibile a capire cosa e come potenziarlo. Leggi le descrizioni degli oggetti, delle armi e delle Rune che troverai. Scegli attentamente l’arma che vorrai tenere per il resto del gioco, perché si, è vero che puoi utilizzarne più di una, ma è anche vero che un arma non potenziata non è così utile andando avanti nel gioco.

Sangue e Mercurio

Bloodborne, come suggerisce il nome, punta molto sul concetto di sangue, e proprio con questo dovrai curare le ferite che ti infliggeranno i tuoi nemici. Le Fiale di Sangue saranno le tue migliori amiche sin dai primi momenti di gioco fino alla fine della tua avventura. Non farti quindi problemi a tornare in qualche area iniziale per farmare le cure necessarie e i Proiettili di Mercurio per la tua arma da fuoco. Anche in questo caso ti rimando allo stesso articolo di cui ti ho parlato nel secondo consiglio, dove ti indico un paio di percorsi da affrontare per recuperare qualche fiala in più.

Due armi in una

Qui arriviamo a una delle peculiarità di questo folle titolo, le Trick Weapon. Infatti, a differenza di Dark Souls e del recente Elden Ring, qui avremo a disposizione due armi in una. Il mio consiglio è quindi imparare i movimenti di ognuna di esse, per capire se fa per noi e per cosa è effettivamente utile.

Ti faccio l’esempio di una di quelle che incontrerai durante i tuoi primi minuti di gioco, il Bastone Filettato. Questo particolare bastone può essere utilizzato normalmente come una spada, con affondi e colpi orizzontali molto rapidi per non dare tregua ai nemici, ma risulta fondamentale contro gruppi di belve nella sua forma secondaria. Qui diventa una frusta, aumentando esponenzialmente il suo raggio d’attacco, a discapito di una velocità di poco minore.

Bloodborne

Premi il grilletto

Sto parlando sia di quello della tua arma da fuoco, che il tasto L2 del tuo controller. Questo perché l’arma da fuoco che avrai in dotazione potrebbe diventare una preziosa alleata per sconfiggere ancora più in fretta i nemici più ostici. Ma attenzione, bisogna imparare a usarla nel modo corretto per poter realizzare dei brutali contrattacchi. Per fare ciò, oltre a una buona dose di pazienza, ti servirà osservare i movimenti del tuo avversario: spara quando questo sta per attaccare e avrai una possibilità di stordirlo (un particolare suono ti aiuterà a capire quando ci sarai riuscito). Dopodiché, standogli vicino, premi R1 e realizzerai un “repost”, uccidendolo o comunque infliggendo un consistente ammontare di danni.

Bloodborne

La miglior difesa è l’attacco

Altra sostanziale differenza tra Bloodborne e gli altri titoli From Software è la chiara richiesta del gioco nell’essere aggressivi. Mentre in altri titoli bisogna bilanciare attacco e difesa, magari utilizzando uno scudo, qui il discorso è più semplice e diretto, non avrai alcuno scudo. Quindi ti resterà una sola cosa da fare, aggredire il nemico prima che sia lui a farlo con te.

Ovviamente sarà importante anche schivare a volte, ma qui voglio parlarti di una meccanica particolare, il “rally”. Si tratta di una tecnica rischiosa che va a premiare chi, dopo essere stato colpito, decide di attaccare il nemico per recuperare una parte degli HP persi. Esattamente, la prossima volta che vieni ferito dai un’occhiata alla barra della vita in alto a sinistra, si dividerà in due, se in quel momento colpisci l’avversario, potrai recuperare quell’ammontare punti perduti.

La conoscenza è tutto

Attenzione, questo consiglio potrebbe contenere un piccolo spoiler. Andando avanti con la tua avventura, ad un certo punto ti accorgerai di avere un numero in alto a destra, esattamente sotto agli Echi del Sangue, che prima non c’era. Quelli sono i tuoi Punti Intuizione, e sono utilissimi per svariate ragioni, dal commercio alla cooperazione online.

Ma più di tutto, servono a vedere ciò che prima non potevi, dopotutto la loro icona rappresenta un occhio. Ora, molti consigliano di tenersi sotto ad un numero specifico di Punti Intuizione, solitamente 15. Io ti dico invece che per vivere al meglio il titolo dovresti sentirti libero sia di utilizzarli quando vuoi che di accumularli. Ricorda solo che più ne avrai, più le cose intorno a te potrebbero complicarsi.

Non sei l’unico cacciatore al mondo

Ce ne sono molti altri, più di quanto immagini, e molti di loro sono pronti ad aiutarti quando non sai più dove sbattere la testa. La cooperazione esiste per un motivo preciso, e non c’è motivo di non sfruttarla. Se ad esempio non riesci a sconfiggere un boss dopo aver provato decine di volte, chiedi aiuto e caccia insieme ad un alleato. Il gioco resta divertente, anzi a volte lo è anche di più in questi casi, e soprattutto, non sentirti affatto in colpa per quello che stai facendo. Non avere timore di chiedere aiuto e non negarlo mai quando richiesto, potresti essere ricompensato.

Non mollare mai

Consiglio finale tanto banale quanto utile quando si parla di souls-like. Se ami questo tipo di giochi ti sarai sicuramente trovato spesso a voler gettare la spugna dopo aver trovato l’ennesimo ostacolo all’apparenza irraggiungibile. Ma è tutto normale, la morte fa parte del gioco ed aiuta a dover ragionare su strategie diverse per approcciarsi a zone e boss troppo difficili per noi.

Cerca quindi di mettere in atto tutti i consigli precedenti, aggiungi questo e ricorda che a volte il modo migliore per andare avanti è fare prima qualche passo indietro. Magari per aumentare alcune statistiche, per recuperare un equipaggiamento migliore o per cambiare strada. Pensa innanzitutto a divertirti e goderti questo fantastico gioco.

Per concludere in bellezza, ti lascio il link al canale Discord della community di Bloodborne, potresti trovare altri cacciatori con cui condividere le tue esperienze di gioco.

Fonte

L'articolo ti è stato utile per iniziare? Hai altre dritte da dare ai nuovi cacciatori? Scrivilo nei commenti qui sotto.

Alessandro Lalli
0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI