Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Apex Legends personaggi LGBTQ

Apex Legends: due personaggi giocabili sono LGBTQ

Il gigante buono Gibraltar e il segugio Bloodhound fanno parte della comunità LGBTQ e i fan li stanno amando

Se vuoi maggiori informazioni su inserisci la tua email qui sotto:

L’opera di EA e Respawn Entertainment sta continuando a riscuotere un enorme successo e per ora la sua crescita sembra inarrestabile. Dopo aver raggiunto i 10 milioni di giocatori in sole 72 ore, Apex Legends continua a far parlare di sé grazie alla notizia che due dei personaggi giocabili nel roster appartengono alla comunità LGBTQ.

La novità è stata accolta positivamente dalla fanbase, con una particolare accoglienza positiva da parte dei queer gamers, che dopo Soldato 76 e Tracer -in Overwatch- stanno vedendo la comunità LGBT+ gradualmente sempre più presente e rappresentata nel mondo videoludico.

Gibraltar, il gigante gentile di origine polinesiana, è stato il primo personaggio a entrare ufficialmente nella “squadra LGBTQ” di Apex Legends. Come si può leggere nella sua scheda bio nel sito di EA “ha iniziato ad apprezzare il valore di proteggere gli altri quando da giovane, insieme al suo ragazzo, si è trovato intrappolato in una frana e il padre li ha salvati, perdendo però un braccio nel processo”.

Apex Legends personaggi lgbtq

Ecco invece il video-presentazione di Gibraltar con le sue principali carrateristiche.

Per quanto riguarda il secondo personaggio, Bloodhound, si sa ben poco. Data di nascita, origine ed età sono sconosciuti, ma il community manager Jay Frechette ha dichiarato che il “cacciatore” è non-binario, e che il suo genere non è specificato.

Vuoi scoprire il background degli altri sei personaggi giocabili? Puoi trovare tutte le bio nella pagina ufficiale EA “Meet the Legends”.

Ti voglio lasciare con una piccola provocazione: pensi che specificare la sessualità in un titolo dove essenzialmente non c’è trama possa essere una tattica per raggiungere determinati target? O pensi che sia semplicemente un modo per promuovere la diversità?

Facci sapere cosa ne pensi nei commenti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
avatar
  Sottoscrivi  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp