1
0

0

Aokana – Four Rhythms Across the Blue, la nostra recensione su Nintendo Switch

Una passione mai sbocciata su Nintendo Switch.

Aokana vorrebbe portare l’eros nel mondo Nintendo, ma fallisce miseramente, trasformando il giocatore nello spettatore di un gioco curato ma troppo passivo. Il risultato è una noia mortale.

Altre recensioni

Naviga tra i contenuti


Aokana – Four Rhythms Across the Blue è un videogioco di genere eroge, vale a dire un visual novel a risvolti erotici, sviluppato da Sprite e pubblicato su PC il 28 novembre 2014, su PlayStation Vita il 25 febbraio 2016 e su PlayStation 4 il 26 gennaio 2017. La versione che abbiamo provato, però, è quella per Nintendo Switch, uscita in Occidente solo il 21 agosto di quest’anno. Un’importante informazione è la mancata disponibilità di una localizzazione in italiano, che limita la scelta linguistica al giapponese e all’inglese.

Per chi fosse interessato, dal titolo è stato tratto anche un anime in 12 episodi, intitolato Ao no Kanata no Fō Rizumu (appunto, Four Rhythms Across the Blue). È arrivato però il momento di tuffarsi nell’analisi del gioco.

Trama: qualcosa in più del semplice sesso

Una delle scene iniziali di AokanaIl gioco inizia in un giorno apparentemente qualunque della vita di Masaya Hinata, giovane studente della Kunahama Academy di Shitou City. Mentre percorre la strada verso la scuola, Masaya incontra per caso Asuka Kurashina, una fanciulla in difficoltà che il ragazzo aiuta senza esitazione a ritrovare le chiavi di casa.

Trovandosi in ritardo e volendo evitare le ire della dispettosa insegnante della sua classe, Masaya decide di sfruttare per la prima volta dopo anni le sue scarpe antigravità e volare assieme ad Asuka verso la scuola, sfuggendo alla docente  prontamente appostata all’ingresso dell’istituto. Nel pomeriggio, tocca nuovamente a Masaya insegnare alla nuova studentessa a volare con le scarpe da lui usate il mattino stesso, che si rivelano essere il mezzo di trasporto più impiegato nell’area di Shitou City.

Da questo corso accelerato, le vicende precipitano fino a che Masaya non mette definitivamente da parte le sue riserve a gareggiare nel Flying Circus, sport che sfrutta le scarpe antigravità dal quale si era ritirato anni prima per motivi misteriosi, gettando alle ortiche il suo grande talento. Diventato così allenatore della squadra della scuola, Masaya si ritrova a stretto contatto con Asuka stessa, oltre che con Misaki Tobisawa, Mashiro Arisaka e Rika Ichinose, le fascinose componenti del team ciascuna più o meno corrispondente ai cliché femminili con i quali chiunque abbia mai guardato un anime è ampiamente familiare.

Per fortuna, Aokana non si limita a sfruttare questa situazione per arrivare alle pur lunghe sequenze sessuali, della durata di 15 o anche 30 minuti, di Masaya con una delle sue giocatrici. Al contrario, il titolo sviluppa bene la trama e si impegna abbastanza anche nel world building, con tanto di lezioni di una pseudo-fisica piuttosto credibile che punta a spiegare il funzionamento delle scarpe antigravità.

Grazie a questa felice scelta, capita talora di dimenticarsi che si tratti di un videogioco di genere erotico e si finisce per concentrarsi di più sulle vicende sportive, che rendono il titolo quasi una versione spinta di Mila e Shiro o Capitan Tsubasa. Certo, non passa poi molto che le insistenti battute di Misaki, la più maliziosa delle quattro ragazze, riportino subito alla mente il vero punto di interesse di Aokana, magari subito prima di cominciare una delle sequenze bollenti disponibili per ciascuna romance.

Gameplay: un manga hentai solo in parte interattivo

La bellezza delle quattro protagoniste di AokanaCome tutti i visual novel, Aokana si basa in gran parte sulla lettura del testo da parte del giocatore, il quale deve limitarsi a seguire i dialoghi tra i personaggi, salvo essere coinvolto sporadicamente nelle scelte di alcune opzioni di risposta. Nel caso di Masaya, le diverse repliche che può dare nel corso di questi di speciali scambi di battute determineranno con quale delle quattro ragazze deciderà di coinvolgersi sentimentalmente, oltre che l’esito della storia stessa.

In Aokana, infatti, c’è la possibilità che le nostre scelte sbagliate portino a interrompere bruscamente le avventure di Masaya, conferendo al gioco una longevità molto variabile. L’impressione tuttavia è che il giocatore sia coinvolto troppo poco: nelle prime tre ore circa della nostra run, ci siamo imbattuti solo in due di queste situazioni. Questo problema non è dovuto al fatto che si tratti delle fasi iniziali del titolo, magari più concentrate sulla presentazione dei personaggi, in quanto proseguendo con il gameplay la frequenza delle decisioni non aumenta significativamente, lasciando il giocatore spesso con un senso di frustrazione.

Le occasioni di rendere Aokana un po’ più interattivo, però, ci sarebbero state ampiamente. Ad esempio nella sfida introduttiva di Asuka al Flying Circus, si sarebbe potuto implementare un sistema di scelta del consiglio datole da Masaya, che, pur non influendo per motivi di trama sull’esito dello scontro, avrebbe potuto agevolare la relazione con la ragazza e il suo attaccamento al futuro coach.

Insomma, Aokana risulta troppo statico anche per gli standard del visual novel, spostando di fatto il grosso del proprio appeal sulla parte erotica. Il che è un peccato, specie a fronte della trama complessivamente buona di cui abbiamo parlato, che rischia talora di essere mandata avanti velocemente per il fastidio di non essere coinvolti attivamente in alcun modo. La scelta di dedicare la trama al Flying Circus, sport progettato per essere molto dinamico e pieno di voli, giravolte e bruschi cambi di direzione, inoltre, si sposa malissimo con il genere del visual novel, in cui questo dinamismo viene ucciso anche visivamente dalle istantanee che fanno da sfondo ai dialoghi.

Grafica: uno storyboard in stile anime

Le buffe espressioni in stile emoji di AokanaLo stile di Aokana è quanto di più distante possibile dal realismo, abbracciando invece l’estetica dell’animazione giapponese fin dal corpo delle protagoniste. Piuttosto stereotipate anche nell’aspetto fisico, Asuka e le altre sono dotate di capelli di colori bizzarri come il rosa pastello o il violetto e forme che spaziano dall’esagerato all’inesistente senza toccare mai le vie di mezzo. Le loro reazioni ai dialoghi con Masaya sono altrettanto uniformi allo stile nipponico. I volti chiaramente oversized delle ragazze si dipingono di tanto in tanto con espressioni quasi identiche a quelle degli emoji che siamo abituati a impiegare quotidianamente nelle app di messaggistica.

L’aspetto più positivo delle visuals di Aokana, tuttavia, arriva con la palette di colori e le scelte per le immagini di sfondo. Come suggerito già dal titolo, la trama porta i personaggi a volteggiare spesso nel cielo sopra l’oceano durante i loro allenamenti e i match di Flying Circus. In questi momenti, il blu diventa il vero protagonista e si prende tutta la scena, interrotto solo dai colori al neon che servono a intuire le traiettorie percorse da ciascun personaggio.

Se la grafica generale sembra abbastanza anonima, è proprio quest’ultimo elemento a farla innalzare al di sopra della sufficienza, grazie alla sua bellezza e, soprattutto, alla funzionalità alla trama. Il senso di libertà e fascino che deriva da questi fondali, infatti, veicola alla perfezione il sogno che Masaya ha perso e si ritrova paradossalmente a recuperare solo con il tempo, mentre lo insegna alle sue allieve/amanti.

Sonoro: varietà delle voci e noia della musica

Il banchetto del team di Flying Circus in AokanaL’aspetto auditivo è uno di quelli che mostrano al meglio il bipolarismo di Aokana, diviso com’è tra una vasta e dettagliata customizzazione del doppiaggio e delle musiche fastidiose.

La prima cosa che si nota dal menu delle opzioni, infatti, è la cura nei dettagli delle voci dei personaggi, il cui volume può essere gestito separatamente, scegliendo ad esempio di innalzare la voce timida di Rika e abbassare quella da tsundere di Mashiro. Il titolo, poi, è completamente doppiato sia in giapponese che in inglese, ad eccezione delle linee di dialogo di Masaya, che funziona da protagonista muto probabilmente per accentuare l’immedesimazione con il giocatore, sensata in realtà quasi solo nelle scene di sesso.

Le tracce musicali, al contrario, arrivano ben presto a risultare fastidiose. È indubbio che siano delle belle composizioni che si sposano bene con le situazioni che vanno a descrivere, aiutando anche il giocatore a sincronizzare le proprie emozioni con quelle dei personaggi. Il problema è che sono troppo poche e cambiano con una frequenza tale da cominciare a risultare ripetitive già dalle prima ore di gioco. Non aiuta, inoltre, che ogni volta che un nuovo brano prende il posto del precedente, un piccolo banner compare nella parte superiore destra dello schermo, dichiarandone il titolo. Il che non solo distrae dal vero focus di Aokana, cioè la trama e gli scambi di battute tra i protagonisti, ma rendono ancora più evidente la scarsa varietà della musica.

Longevità: un’arma a doppio taglio

Sequenza di una sfida a Flying Circus in AokanaSolitamente, nel giudicare i videogiochi, un’alta longevità viene valutata come un fattore positivo. È innegabile che espressioni come “quality over quantity” siano veritiere, ma è altrettanto indubbio che l’alto costo dei titoli e la necessità di una narrazione approfondita portino a preferire titoli da 40 ore piuttosto che altri da 10. Ci sono, però, eccezioni notevoli e Aokana rappresenta una di queste, purtroppo non nel bene.

I difetti di gameplay che abbiamo già discusso, infatti, rendono il titolo semplicemente noioso, facendo pesare i ritmi lunghi e distesi con cui introduce i personaggi e il loro background e sviluppa le loro storie e crescite personali. Lo stesso vale per i momenti erotici, che si protraggono per tempi senza dubbio verosimili, ma che aggiungono ulteriore tedio essendo composti quasi totalmente di gemiti e dei nomi ripetuti reciprocamente dai due amanti.

Non aiutano neppure le scelte multiple che hanno lo scopo di aggiungere rigiocabilità. Pur essendo, come detto, pochissime, il senso di fastidio prodotto dal ritrovarsi a essere spettatori quasi totalmente passivi di fronte a un prodotto che si suppone interattivo fa sì che non ci verrà mai in mente di cominciare una nuova run.

Trama interessante...

Ottimo doppiaggio...

Longevità elevata...

... affossata da un gameplay quasi nullo

... ma musiche troppo ripetitive

... che porta più noia che divertimento

Il gioco non prevede obiettivi su Nintendo Switch.

Grafica
70
Sonoro
65
Longevità
75
Impatto
60
Voto
VOTA
1

Aokana – Four Rhythms Across the Blue è un titolo sicuramente molto curato che sviluppa i suoi singoli aspetti (trama, musiche, grafica…) in modo anche buono. Il problema, però, è dato dalla totale mancanza di quel collante, il gameplay, che dovrebbe esaltare al meglio tutte queste individualità allo scopo di far divertire il giocatore. Nel giudizio finale questo difetto non può che trascinare giù la semplice media aritmetica, attestandosi su una sufficienza dovuta più al riconoscimento delle ambizioni del lavoro che al risultato vero e proprio.

0

Commenti

1297

Miei

1
0

Registrati!
in iCrewPlay diamo valore al tuo pensiero!