Nintendo Switch

Nintendo Switch, rischio di causa legale per il Joy-Con Drifting

Nintendo Switch è riuscita ad attirare le attenzioni di uno studio legale pronto ad avviare una class action per il problema dei "Joy-Con Drifting"

Pubblicità

Leggendo questa recensione avrai una panoramica completa di tutto quello che il gioco può offrire, partendo dal gameplay e arrivando al comparto tecnico!

Speciale

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Dal momento del suo lancio ufficiale sul mercato videoludico mondiale, avvenuto il 3 marzo 2017, la console ibrida di Nintendo ha sin da subito riscosso il favore degli utenti, con le sue caratteristiche innovative e il suo “nuovo modo” di affrontare i videogiochi. Ciononostante non è tutto oro quel che luccica e anche Nintendo Switch ha avuto diversi problemi che ne hanno segnato la storia in modo indelebile, come quelli legati alla sua parte hardware più importante, i Joy-Con. L’ultimo di questi problemi prende il nome di Joy-Con Drifting (o Deriva dei Joy-Con), dove il termine “deriva” è legato a quello che accade quando la console continua a registrare un input da parte dello stick analogico anche se questo è inutilizzato dall’utente.

I Joy-Con appartenenti a Nintendo Switch

 

Il problema legato ai Joy-Con è così evidente che lo studio legale Chimicles, Schwartz Kriner e Donaldson-Smith sta esaminando la situazione per verificare se sia possibile avviare una causa legale proprio contro Nintendo. Dal punto di vista degli utenti di Switch, che hanno riscontrato il fastidioso problema, questa potrebbe essere una buona occasione per ottenere un accordo e un possibile risarcimento. Lo studio ha reso disponibile anche una pagina web dove gli utenti possono registrarsi per poter segnalare il problema e raccontare la propria esperienza. Ovviamente questa non è la prima volta in cui il mondo videoludico e quello legale si incontrano, infatti, la stessa Sony quando venne hackerata nell’ormai lontano 2011, perse una causa per la class action fatta contro di lei. In quell’occasione la casa giapponese offrì titoli gratuiti per PlayStation 3 e PSP, temi gratuiti, abbonamenti a PSN e molto altro.
La class action contro Nintendo è ancora agli albori, non ci resta che aspettare e vedere cosa accadrà con il passare del tempo.

I Joy-Con di nintendo Switch

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Stai riscontrando anche tu dei problemi con i Joy-con di Nintendo Switch? Faccelo sapere nei commenti

Pubblicità

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro