Cyberpunk 2077: da una demo emergono moltissimi dettagli

Nuove informazioni riguardanti il gameplay emergono da una demo pubblicata dal team di sviluppo

Cyberpunk 2077
0

CD Projekt RED, famoso in tutto il mondo per la serie di The Witcher, ha messo a disposizione una nuova demo di Cyberpunk 2077, testata da tre siti polacchi (WP GRY, Miastogier e Onet).
Grazie alle loro anteprime sono emersi moltissimi dettagli sulla personalizzazione dei personaggi, sull’inventario, l’hacking e soprattutto sulle meccaniche di gioco.

Le scelte all’interno dei dialoghi di Cyberpunk 2077 hanno visto una completa evoluzione da The Witcher 3, con un sistema più fluido e dinamico come ad esempio il poter avviare conversazione con i vari NPC, rimanendo comodamente seduti all’interno del proprio veicolo.

Parlando della creazione del personaggio, questa non imporrà alcun limite ai giocatori. Uno degli esempi può essere la creazione di un personaggio maschile con una voce femminile, con un impatto sul mondo di gioco e sugli NPC con cui si andrà ad interagire.

Il ruolo più importante sarà svolto dalla “Reputazione di Strada”. Ciò contribuirà ad aumentare la probabilità che i negozi vendano gli oggetti rari, che difficilmente possono essere trovati all’interno dei cataloghi. Oltre a questo una reputazione alta aumenterà l’offerta da parte dei venditori, con sconti ed oggetti unici.

Passando alla progressione del personaggio, viene rivelato che ogni abilità e attribuito hanno un limite di 10 livelli ciascuno. Per ogni abilità ci sono cinque perk per un totale di 60.
Le abilità possono essere aggiornate trovando istruttori o installando nuovi impianti, anche se i giocatori hanno la possibilità di apportare piccoli miglioramenti come il rivestimento veleno per le lame Mantis.

Durante la demo 2018 è stata mostrata l’interfaccia che è stata rivisitata completamente. Ora i numeri indicanti i danni sono meno invasivi a schermo e in più gli sviluppatori hanno inserito altri tipi di danno.

Ma ora passiamo alla parte che riguarda l’hacking, che emerge con la classe Netrunner, abilitato ad acquistare vari programmi come ad esempio disabilitare gli occhi cibernetici o bloccare gli innesti altrui.
Migliorano le abilità di hacking e aumentano anche le opzioni disponibili al videogiocatore, passando dal sabotare porte a controllare videocamere, torrette, etc. In più i mini-giochi degli hacking cambiano di volta in volta a seconda dell’oggetto che si sta per violare.

Dettagli aggiuntivi:

  • I boss possono usare oggetti nell’ambiente durante i combattimenti.
  • Dirottare veicoli di fronte a poliziotti o gangster e avvisare delle vostre attività.
  • Il protagonista V può anche frantumare bottiglie di vetro sui nemici e usare la parte rotta come arma da taglio.
  • La religione è una parte importante del mondo creato nel gioco e ci saranno anche fazioni religiose.
  • La popolazione avrà potenziamenti diversi in base al proprio status: i ricchi avranno innesti unici, i religiosi rifiuteranno certi potenziamenti e così via.
  • Ci saranno tantissime missioni secondarie ed eventi. Non ci sarà una tabella delle missioni come in The Witcher 3, ma la realtà aumentata di V metterà in risalto certi elementi importanti dell’ambiente.
  • Sarà possibile acquistare tanti tipi di vestiti, come giacche lunghe, t-shirt, scarpe.
  • L’inventario sarà limitato dal peso massimo trasportabile dal proprio personaggio.
  • Oggetti dopanti, come quello che rallenta il tempo, possono essere usati in combinazione con le abilità: è possibile quindi rallentare il tempo per hackerare un nemico prima che questo ci attacchi.
  • La Cyberpsicosi sarà presente nel gioco e vedremo le sue conseguenze.

Cyberpunk 2077 è atteso per il 16 aprile 2020 su PlayStation 4, Xbox One e PC.

Cosa ne pensi dei miglioramenti apportati al titolo? Parlane con noi lasciando un commento!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
>

Cosa ne pensi dei miglioramenti apportati al titolo? Parlane con noi lasciando un commento!

0