Cloud Gaming: Microsoft guarda al futuro!

Microsoft verso il futuro del Gaming

Dalle dichiarazioni rilasciate ieri da Kevin Gammill (general manager della divisione cloud gaming di Microsoft), si è pensato molto al futuro dei videogiochi. Il concetto che Microsoft vuole trasmettere è di guardare oltre gli standard classici di gaming su console; vorrebbe infatti spingere lentamente gli utenti ad usufruire quasi solo ed esclusivamente i giochi su servizi cloud. La potenziale idea dell’azienda americana è quella di arrivare a registrare circa 2 miliardi di utenti entro il 2020 (ovvero l’intera utenza del mercato videoludico) avendo essa già a disposizione tecnologie come : AzureHavok, Simplygon e PlayFab.

Il caso Sony e le potenzialità di Nvidia

Ci prova anche Sony a sviluppare dei servizi cloud gaming inglobando a sè Gaikai e creando PlayStation Now e PlayStation Online, ma al contrario di Microsoft raggiunge numeri veramente osceni arrivando al punto di chiudere i suddetti servizi su PlayStation 3, Smart tv e PlayStation Vita, e lasciando per ora attivo PlayStation Now solamente su PlayStation 4 e PC. Situazione invece diversa per Nvidia, la quale sembrerebbe avere un’ottima base tecnologica visti i servizi già presenti sulla sua Nvidia Shield e su altri dispositivi di sua proprietà.

cloud gaming

Le connessioni italiane sono abbastanza potenti da permette il cloud gaming?

La domanda sorta ai videogiocatori in seguito alle dichiarazioni di Microsoft è una sola: “Riescono le connessioni italiane a sostenere un servizio del genere?“. La risposta è No, poichè in paesi come il nostro la velocità di connessione media raggiunta è di appena 100 Mb/s nel 90% del paese. In paesi come Stati Uniti i servizi di gaming sembrerebbero funzionare alla perfezione, tanto da portare oltre il 98% i guadagni generati da tali.

E voi cosa ne pensate a riguardo di tale argomento? Nel caso aveste una connessione sufficientemente potente per il cloud gaming sareste disposti ad usarlo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
>