Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Alla Games Week di Milano abbiamo provato il nuovo capitolo della saga di Ace Combat!

3 minuti

La saga di Ace Combat mi ha tenuto compagnia per tante ore prima su PlayStation, poi su PlayStation 2 e infine con PC grazie ad Ace Combat – Assault Horizon. E’ stato proprio questo ultimo capitolo ad aver fatto storcere un pò il naso ai tanti fan dei combattimenti arcade nei cieli. Project Aces tentò di rinnovare il gameplay inserendo corridoi d’ingaggio e varianti di missione, come elicotteri e le sessioni sulla cannoniera AC-130 Hercules. Personalmente ho trovato interessante quest’ultima novità ma, in generale, si sentiva la mancanza di quella giocabilità old school che ha reso grande il brand. Latitava inoltre una trama ben realizzata come, per esempio, lo erano quelle dei titoli per PlayStation 2. Detto questo, il prossimo gennaio ci aspetta Ace Combat 7 – Skies Unknown: l’abbiamo provato alla Games Week di Milano, seguiteci in quest’anteprima!

Gameplay

Diciamolo subito… a livello di giocabilità Ace Combat è tornato alla grandissima! Niente più corridoi, solo ingaggio vecchio stile. Ho notato forse una leggera inerzia rispetto ai capitoli passati: come se l’attrito dell’aria e la resistenza del velivolo fossero un pò più presenti che in passato. Anche la configurazione di tasti, su PlayStation 4, è la medesima di quella dei titoli PlayStation 2. Sulla trama ovviamente non possiamo esporci: abbiamo testato la missione numero 6, con il Typhoon EF2000. Come nei vecchi titoli si potrà scegliere fra una configurazione di volo “basica” e una da “esperto, sempre con un’impostazione decisamente arcade come è giusto che sia. Niente tecnicismi alla DCS, per intenderci. La differenza fra le due impostazioni sarà sostanzialmente la possibilità di rovesciare il velivolo per effettuare loop o manovre evasive varie. Ovviamente la modalità “esperto” è decisamente più spettacolare da giocare oltre che maggiormente efficace. Mi spiego meglio: la maggiore capacità di movimento dell’aereo vi darà un vantaggio rispetto all’impostazione “basica”, garantendovi una maggiore agilità. Riguardo invece alle nuvole, presentate come una componente importante di gameplay, purtroppo non posso esprimermi perchè il meteo della missione provata era pulito.

Comparto Tecnico

Ecco, forse da questo punto di vista sono rimasto un pò sorpreso: in questi mesi sono usciti diversi video e anche molte foto che mostravano un impianto grafico decidamente interessante ma, in tutta onestà, non ho ritrovato questa bellezza nel gioco provato (ricordo, per PlayStation 4). Chiaramente la build provata potrebbe non essere definitiva e sicuramente l’ambientazione semi desertica della missione provata non ha aiutato ma, al momento, dal punto di vista grafico sono rimasto un pò deluso. Anche il livello di dettaglio dei velivoli nell’hangar di selezione delle armi non fa gridare al miracolo. Il gioco sembra comunque reggersi saldo sui 60fps. Dal punto di vista sonoro posso dire ben poco: per quel poco che ho sentito il lavoro sull’audio sembra essere adeguato al livello della produzione.

Ace Combat 7 – Skies Unknown è previsto in uscita il 17 gennaio 2019 per PlayStation 4 e Xbox One mentre, per la versione PC, dovremo attendere il primo febbraio. Qui sopra potete vedere il contenuto della versione collector del titolo, chiamata The Strangereal Edition, proposta al prezzo di € 169,99.

Hype

State aspettando anche voi questo nuovo capitolo della serie? Pronti a vivere la nuova guerra fra il Regno di Erusea e la Federazione Oseana? Personalmente non vedo l’ora!

Quanto ti piace?
Ace Combat 7 – Skies Unknown: l’abbiamo provato!

Commenta!

avatar