Ascolta il programma di approfondimento di iCrewPlay

La nuova versione 4.0 dell’app introduce tante novità a partire dalla possibilità di fare shopping nelle chatbot fino ai video messaggi e Instant View…

Pagamenti online & chatbot

Telegram, la chat che ha fatto fortuna puntando sulla sicurezza, ora spinge anche sul fronte dei pagamenti online.

Come anticipato qualche settimana fa, adesso è possibile eseguire pagamenti via Telegram. Grazie alle nuove API, qualsiasi sviluppatore può includere la possibilità di vendere servizi o prodotti direttamente tramite Telegram.

La nuova versione 4.0 dell’app introduce la possibilità di fare shopping nelle chatbot, le chat automatizzate dove gli utenti dialogano con assistenti virtuali.

Una mossa che apre le porte ad infinite possibilità per le aziende che usano le chatbot per comunicare con i clienti. È una sfida a Facebook che ha introdotto la funzione da pochi mesi. Con questa novità, anche su Telegram si potrà ordinare una pizza, un paio di scarpe o prenotare un taxi. Il tutto, pagando attraverso la chat con cui si richiede il servizio, senza passare per un sito esterno.

Attualmente la maggior parte dei pagamenti vengono gestiti tramite Stripe, ma Telegram è aperto a qualsiasi piattaforma di pagamento. Nei prossimi giorni verrà introdotto RazorPay per i pagamenti dall’India, FlutterWave per Nigeria, Kenya, Ghana, Sud Africa e Uganda e PaymentWall, presente in oltre 190 paesi. A questi, seguirà Yandex.Money e Qiwi per la Russia e Payme per l’Uzbekistan.

Video messaggi

Con l’aggiornamento della chat arriveranno anche altre due novità: i videomessaggi e Instant View, per accedere velocemente ad articoli di media e blog.

I videomessaggi compariranno come “bolle” nella conversazione e saranno spediti in modo più veloce e immediato di un normale filmato video. Potranno avere una durata massima di un minuto. Il destinatario li scaricherà e li vedrà partire in automatico (opzione che si può disabilitare).

Questi possono essere utilizzati in alternativa ai messaggi audio. Il tasto per inviarli è praticamente lo stesso. Per passare da un messaggio audio ad uno video, basta cliccare l’icona col microfono in basso a destra.

Mentre si guardano, si potrà accedere anche ad altre chat. La “bolla” col videomessaggio sarà in primo piano, ma in un angolo dello schermo del telefono.

E non è finita qui: chi gestisce un canale pubblico ha anche la possibilità di utilizzare la nuova piattaforma Telescope. Infatti, tramite l’URL telesco.pe/nome_canale, chiunque potrà vedere i video messaggi, anche se non ha installato Telegram.

Istant View

Si tratta di un sistema che permette di caricare istantaneamente gli articoli inviati tramite Telegram, a patto che qualcuno abbia creato un parser adatto per il sito.

Il sistema è molto simile a quello già visto con Google AMP e gli Instant Article di Facebook. La pagina viene caricata in cache sui server di Telegram. In questo modo sarà possibile visualizzare istantaneamente testo, immagini e video senza aprire il browser.

Inoltre, dalla schermata di Instant View è possibile regolare alcune impostazioni. Tra queste, la luminosità, il font, il colore dello sfondo (in stile ebook reader).

Telegram ha anche lanciato un concorso con in palio 200.000$ per chi realizza i migliori template per Instant View.

fonte

Interessanti queste novità, voi che ne pensate?