Samsung avrebbe intenzione di anticipare l’uscita di Galaxy S9 a gennaio: quali sono le novità su scheda tecnica e prezzo? Strategia anti-iPhone 8.

Si sa già da un bel pò che Samsung, non appena finito il lavoro di sviluppo su S8 e S8+, ha già dato inizio ai lavori per Galaxy S9, il top di gamma che dovrebbe arrivare, come sempre, nel primo trimestre.

Ebbene, già agli inizi di marzo i lavori erano iniziati e, stando a quanto emerso ieri da tutti i media internazionali, potrebbe arrivare in anticipo. Forse addirittura già nel mese di gennaio. Le motivazioni riguardano le forniture, ma è chiaro che si tratti di una specifica strategia di commercializzazione.

Samsung Galaxy S9, conosciuto con il mignolo di Star, potrebbe esordire già nel mese di gennaio 2018. A quanto pare, Samsung Display dovrebbe iniziare a inviare gli schermi OLED già nel mese di novembre, con due mesi di anticipo sulla solita tabella di marcia. Si tratta di un raro caso in cui gli sviluppatori sono in vantaggio sui tempi: l’azienda, evidentemente, dopo il disastro del Note 7 non intende più rischiare e preferisce giocare d’anticipo.

Per lo sviluppo di Galaxy S9, la tempistica dovrebbe essere allora la seguente: display pronti a novembre; due mesi per l’assemblaggio; lancio sul mercato a gennaio 2018.

Samsung sfida Apple e lo stringe nella morsa di Galaxy Note 8 e Galaxy S9

Lo sviluppo sicuramente procede di buona lena, ma le motivazioni potrebbero anche essere altre. Samsung ha appena lanciato Galaxy Note 8 e si parla di un anticipo di Galaxy S9. Il tentativo sembra essere quello di una mossa di accerchiamento a Apple: iPhone 8 sarebbe schiacciato tra il rivale diretto Galaxy Note 8 e i rumors del nuovo Galaxy S9, che si annuncia per il momento sicuramente un ottimo device, ma non è ancora chiaro se si tratti di una rivoluzione nei confronti degli attuali S8 e S8+.

Insomma, Samsung dovrebbe iniziare a rivelare qualcosa in più del Galaxy S9. Al momento, sappiamo che avrà SnapDragon 845, Android 8.0 Oreo e la doppia fotocamera. Si parla, infine, del lettore per le impronte digitali inserito al di sotto del display, ma è ovvio che ci aspettiamo qualcosa di più.