Vodafone e il suo primato nella rete 5G

Vodafone e il suo primato nella copertura in 5G in Italia: cosa ha stabilito? Innanzitutto il primo utilizzo della rete. Tramite una nuova tecnologia, l’azienda di telefonia mobile e fissa, ha attestato inoltre un nuovo record, ossia, l’ottenimento della nuova copertura di rete ad altissima velocità, operante alla frequenza 3.75 GHz. Questa, è stata assegnata direttamente dal Ministero per lo sviluppo Economico.

Le bande ad alta frequenza garantiscono un segnale a una distanza più limitata, ma permettono di connettere tanti utenti allo stesso tempo.

Huawei con Vodafone, hanno messo in campo una nuova soluzione per migliorare la copertura di frequenze più alte. Praticamente, hanno utilizzato diverse linee per il download e l’uplink dello smartphone.

Visto che è in fase sperimentale, sono state messe a confronto due configurazioni diverse della rete. Nel primo test, la banda ad alta frequenza, usata sia per il download che l’uplink, ha riportato un miglioramento di fattore 10 di intensità nel segnale in uplink, quando è stata utilizzata una banda a bassa frequenza. Questo significa che, utilizzando tale tecnica, il cliente, può ricevere un segnale più forte, anche nelle aree dove la copertura 5G è più limitata. Questa funzionalità, viene chiamata: Uplink & Downlink Decoupling. Il protocollo sarà ora standarizzato da 3GPP, l’ente di riferimento delle tecnologie mobili.

Nel secondo test invece, è stata utilizzata una banda ad alta frequenza, usata esclusivamente per il downlink; mentre per l’uplink è stata usata una banda a bassa frequenza. Insomma, in entrambi i casi, lo scenario che ha dato maggiori frutti è stato quello del primo test.