Capcom, al San Diego Comic Com, racconta come l’Antica Foresta in Monster Hunter World e i suoi mostri sono stati creati

Alla fine di luglio, Capcom ha allestito un panel per  Monster Hunter World al San Diego Comic Com, ma dei filmati mandati per l’occasione non ne abbiamo mai avuto esperienza… fino ad oggi!

L’editore, infatti, ha finalmente messo a nostra disposizione il tutto, permettendoci di vedere il filmato, che vi postiamo di seguito.

La presentazione è effettuata dal produttore Ryozo Fujimoto e dal direttore Kaname Fujioka. Questi ci spiegano l’ecosistema vivente e il cuore pulsante del gioco, progettato per rendere i mostri dei veri e propri esseri viventi, a partire dalla zona della Foresta Antica.

Gli sviluppatori narrano che il nome della foresta deriva dall’antico albero che ivi padroneggia. Essa è circondata da alcune aree dall’umidità elevata e altra dalla bassa umidità. Creature completamente diverse tra loro le abitano.

E non è tutto frutto dell’immaginazione dei nostri speakers. Infatti, per lavorare alla grafica e alle ambientazioni, il team è stato in viaggio in Australia per studiarne la vegetazione.

Si è passato poi a parlare di tre dei mostri del gioco, ossia Great Jagras, Anhanath e Rathalos. Questi sono stati progettati prendendo ispirazione dai rettili reali. Per riprodurre le loro pellicce, invece, la tecnologia ha avuto un ruolo centrale: la traslucenza cutanea e gli shader muscolari, che simulano il modo in cui la pelle si muove sui muscoli dei mostri, hanno reso il tutto più che reale.

Monster Hunter World sarà disponibile in tutto il mondo all’inizio del 2018, sicuramente prima del 31 marzo, per PlayStation 4 e Xbox One. Successiva sarà la versione per PC.