Ascolta il programma di approfondimento di iCrewPlay

Vieni nel lato oscuro

Ovviamente si scherza, ma sicuramente è un una categoria spesso accantonata che non ha il giusto merito. I Trading Card Game o giochi di carte collezionabili, che dir si voglia, possono essere molto avvincenti.

Il bacino di utenza è molto ampio e senza dubbio in crescita. Una dimostrazione è la nascita di nuovi giochi di carte come Dragon Ball Super Card Game o il recente Vanguard. Tutti questi simpatici giochi strategici sono nati da una passione che hanno alcune persone, il collezionismo.

Anticamente si era soliti raccogliere le figurine dei calciatori e inserirle nell’album. Una volta completato avevi una grande soddisfazione che ti rendeva orgoglioso del risultato raggiunto. Oggi la cosa è un po’ cambiata e al puro piacere di raccogliere figurine o carte si è aggiunta una dose di competitività.

I primi giochi che hanno sfondato sono Magic e successivamente Yu Gi Oh. Il secondo sopratutto è famoso per la serie animata che ha come protagonista il celebre Yugi Muto. Questi hanno caratteristiche differenti se pur con qualche punto in comune. Durante gli anni dopo un boom iniziale incredibile, sono passati nel dimenticatoio diventando solo di nicchia.

La nuova generazione

Sotto alcuni aspetti non è per nulla un difetto, ma comporta un diverso livello di attenzione. Anche perché si sta venendo a creare un processo di digitalizzazione di questi giochi. L’esempio più famoso è Hearthstone, un gioco realizzato da Blizzard che ha un grande successo. Questo è pure un card game, ma come detto sopra, digitalizzato. Infatti le carte possono essere acquistate solo in game tramite soldi reali o sfidando altri avversari, ma di fisico non c’è nulla, neanche i soldi che spendete.

Di sicuro è bello vedere vari effetti grafici al PC per rendere divertenti le partite, però secondo me rischiamo di perdere la vera essenza dei giochi di carte collezionabili. Adesso con il ritorno delle cose vintage stanno proliferando nuovi trading card game con caratteristiche simili, ma personaggi ed emozioni tutte diverse.

Ad esempio c’è chi predilige il buon vecchio Yu Gi Oh con carte trappola e magie a tutto andare, altri che preferiscono un po’ di brio in più giocando a Vanguard. Quest’ultimo è un gioco innovativo nel suo genere se pur con varie somiglianze si è discostato dal solito standard che aveva a modello Magic. Infatti da poco è arrivato in Italia accompagnato da un anime. Il gioco sembra piacere molto agli amanti del genere che stanno influenzando le nuove generazioni per tornare ad amare un genere sottovalutato.

carte collezionabili

Personalmente sono molto amante dei giochi strategici e collezionabili, però è un solo il problema di questi giochi. Essendo collezioni, le carte più rare hanno un costo superiore e spesso rischia di diventare un mercato molto costoso e non permette a tutti di goderne a pieno.

Il futuro delle carte collezionabili

Infatti secondo me sarebbe molto intelligente e utile fare come il poker, ovvero fare una piattaforma online e fisica. Quindi per esempio una persona che non può permettersi di giocare a livelli competitivi per motivi di costo potrebbe accedere ai tornei conquistando un posto vincendo online.

Per essere più concreti nel poker nei tornei online possiamo partecipare e se vinciamo potremmo ottenere l’entrata gratuita ad un evento reale. Ergo si crea un sito/gioco con le carte di Yu Gi Oh tutto gratuito dove si paga l’entrata nei tornei. Il vincitore può partecipare ai tornei con le carte utilizzate che vengono regalate dalla casa produttrice. Che ne pensate?

Inoltre considerato che siamo nell’era del virtuale e si punta verso la realtà aumentata, un’idea sarebbe sfruttare questa tecnologia. Per esempio tramite un lettore ottico si legge la carta e tramite un visore vediamo l’animazione delle carte. Quindi quello che vediamo negli anime con animazioni “strafighe” potrebbe essere reale, quindi perché non provarci?

Infine c’è da dire che oltre al PC ci sono altri dispositivi che iniziano ad avere sempre più giochi di carte collezionabili. Un esempio è lo smartphone che supporta titoli come Pokemon Trading Card Game. Oppure ancora Yu Gi Oh Duel Links uscito durante il 2017.

In sintesi, possiamo dire che i giochi di carte collezionabili sono in crescita e si sta ritornando a cercare di ottenere tutte le copie delle carte. Inoltre adesso tutti vogliono sfidarsi in avvincenti duelli con il gioco che più si preferisce. Io consiglio di provare a cercare le regole di qualche bel gioco e iniziare a giocare perché conoscere nuove persone e sfidarsi è una cosa che spesso può aiutarci a crescere. Basta che questo come ogni cosa non diventi un ossessione.