Ascolta il programma di approfondimento di iCrewPlay

LG pronta a sperimentare ulteriormente con il V30, atteso per settembre.
Stando ai render pubblicati in rete, il nuovo flagship potrebbe avere un second display scorrevole e addirittura quattro videocamere.

Si possono avanzare molte critiche a LG, ma non si può accusare il colosso coreano di non avere il coraggio di sperimentare nuove soluzioni. Distinguersi in un categoria, quella degli smartphone, che inizia a percepire un limite evolutivo fisiologico, non è semplice.

Se la modularità del G5 non è andata oltre una generazione – e qui si potrebbe accusare l’azienda di non averci forse creduto abbastanza – fin dal suo concepimento, la serie V ha dimostrato di sapersi muovere molto bene fuori dagli schemi. Chissà che il V30 non possa confermare questo trend.

Una serie di render diffusi in rete mettono in mostra un’evoluzione alquanto audace del display secondario, caratteristica distintiva della serie V di LG.

Ma su Project Joan, per il momento pronostici

Non si sa ancora se l’azienda abbia effettivamente dato seguito a quello che viene chiamato Project Joan. LG potrebbe facilmente essersi fermata ad una visione quantomeno intrigante, per poi riporla nel cassetto in attesa che i tempi siano più maturi. Oppure se l’intenzione è quella di scartarla del tutto.

Ciò non toglie che la nuova iterazione del second display incuriosisce, e non poco. Un concetto che unisce la funzionalità distintiva della gamma con quell’idea di componenti scorrevoli dal sapore quasi vintage. Era, invero, già stato messo in pratica a suo tempo da Blackberry con il PRIV. Adesso risulta applicato ad uno schermo aggiuntivo, invece che ad una tastiera fisica.

Ma un altro dettaglio balza all’occhio. Nella scocca in alluminio sono state inserite ben tre videocamere oltre al flash. LG potrebbe aver tenuto la grandandolare affiancandola ad una camera standard e al tele, per offrire lo zoom, il wide e un effetto sfocatura, ritratto combinando più camere insieme.

V30 è atteso per settembre con caratteristiche che saranno quasi certamente da fascia high-end. Se per il resto della scheda tecnica ci rifacciamo all’immaginazione, è opinione comune che il display principale sarà un OLED. Ci resta la curiosità di scoprire se l’azienda avrà effettivamente investito su Project Joan per un nuovo flagship, che questa volta speriamo di vedere dalle nostre parti.