Continuano le polemiche sulla chiusura di Visceral Games

Cory Barlog, autore di God of War, si esprime sulla politica di Electronics Arts. Infatti, dopo la chiusura di Visceral Games, lo studio diventato noto con la trilogia Dead Space, era al lavoro su un’avventura su licenza Star Wars. Il gioco era piuttosto lineare e, a caratterizzarlo, sarebbero stati, la storia e i personaggi.

La chiusura della Software House è stata provocata da una direzione non gradita della compagnia Redwood City e da alcuni cambiamenti del progetto. EA crede che il mercato, preferisca i titoli multiplayer, dal ciclo vitale piuttosto lungo, connotati dalle microtransizioni, come è accaduto in Star Wars Battlefront 2.

Blake Jorgensen, CFO di Electronics Arts, ha dichiarato che i giochi lineari non sono più molto popolari, tra i videogiocatori. E anche Cory Barlog ha voluto dire la sua a riguardo, non essendo totalmente d’accordo con l’idea di “linearità” di un videogioco. Un utente, invero, ha cercato di interpretare in modo diverso le parole del CFO, pensando si fosse riferito ai videogames lineari di qualità mediocre, ma in realtà Jorgensen ha dichiarato che le persone non amano i giochi mediocri. Quindi la sua frase punta effettivamente verso i giochi lineari in generale, etichettandoli in maniera negativa.

Di conseguenza non è mancata la reazione di Cory Barlog, il quale, dopo aver riportato sul suio profilo Twitter il discorso di Jorgesen, aggiunge una concitata esclamazione: “Santo Dio EA, non sono altro che sciocchezze!”.

E voi cosa ne pensate? Preferite la linearità di un videogame o siete proiettati verso altro?