Ascolta il programma di approfondimento di iCrewPlay
Cari ICrewers, oggi la rubrica “Inchiostro d’artista” si impregna delle note calde del Soul. Amanti della black music a rapporto! Scopriremo la collana “Soul Books” della Vololibero edizioni. 10 monografie per raccontare il sound che ha segnato un’epoca e ispirato tutte le successive, fino ai giorni nostri.
Il genere Soul e i suoi grandi interpreti

La parola “soul”, che significa anima, descrive efficacemente il carattere intenso e profondo di questa musica che affonda le radici, come molti altri generi, nelle sonorità tipiche delle popolazioni afroamericane.

La “musica dell’anima” nacque dalla fusione delle sonorità del jazz e del gospel con i modi della canzone pop. Il soul nasce negli Stati Uniti verso la fine degli anni cinquanta, ma vive il suo momento di massima popolarità negli anni sessanta.

Nel soul, oltre ai ritmi dell’R&B, sono racchiuse diverse sonorità ereditate da blues e gospel oltre che alcune caratteristiche della musica pop.

Tanti sono gli artisti rappresentativi della soul music: Otis Redding, Donny Hathaway, Aretha Franklin, James Brown, Ray Charles, Wilson Pickett e Stevie Wonder.

L’introduzione di questo genere musicale viene attribuita a Ray Charles che nella seconda metà degli anni ’50 offrì al pubblico un brano che coniugava alla perfezione gospel e R&B, “I got a Woman”, gettando le basi per quella che sarebbe stata la storia del soul. Altri grandi cantanti hanno contribuito a perfezionare questo genere: tra questi Otis Redding (considerato una delle figure più importanti nello sviluppo della musica soul), Aretha Franklin, James Brown e Wilson Pickett.

La collana “Soul Books”

La Vololibero per celebrare questi grandi artisti ha innaugurato, col supporto di Radio Capital e il sostegno del Porretta Soul Festival, la collana “Soul books“.

Ogni libro sarà introdotto da una prefazione di Massimo Oldani, curatore della trasmissione VIBE (in onda su Radio Capital), e conterrà curiosità, aneddoti e notizie riguardanti uno dei pionieri del soul, narrati dal giornalista americano Peter Guralnick e dal direttore artistico del Porretta Soul Festival Graziano Ulani.

Il taglio della collana è divulgativo, giacché il genere non ha mai goduto di un successo di massa nel nostro Paese, se non episodicamente. Questo porta alla scelta di compilare biografie brevi e piuttosto compilative.

Ad oggi, sono stati pubblicati i seguenti volumi:

  • Aretha Franklin. La regina del Soul.
  • Al Green. Io sono un cantante.
  • Marvin Gaye. Il sogno spezzato.
  • Otis Redding. La musica è viva.
  • Nina Simone. Il piano, la voce e l’orgoglio nero.
  • Curtis Mayfield. Impressioni di Chicago.
  • Sam Cooke. Sono nato vicino al fiume.
  • James Brown. Nero e fiero!
  • Ray Charles. Il genio senza tempo

Approfondiamone qualcuno…

Titolo: Aretha Franklin

Autore: Gabriele Antonucci

Prefazione: Massimo Oldani
Note e Curiosità: Graziano Uliani

SOUL BOOKS vol 01

Sono trascorsi sessant’anni dalla sua prima incisione, eppure Aretha Franklin non ha alcuna intenzione di cedere la corona di Regina del Soul alle giovani e agguerrite rivali. La cantante ha attraversato da protagonista non solo la musica, ma anche la storia e il costume dell’America nera, diventando un simbolo di longevità artistica e di emancipazione femminile. Le sue straordinarie doti vocali, unite alle qualità di pianista e di compositrice, le hanno permesso di passare dal gospel al jazz, dal blues al r&b, fino al pop più raffinato. I trionfi musicali non l’hanno preservata da una vita segnata da lutti, amori sbagliati, incomprensioni familiari e depressione.

Titolo: Marvin Gaye

Autore: Carlo Babando

Prefazione: Massimo Oldani
Note e Curiosità: Graziano Uliani

SOUL BOOKS vol 03

Le colpe degli uomini ricadono sui figli e, per qualche assurdo gioco del fato, Marvin Gaye vedeva sciogliere la propria vita nel fumo di una calibro 38, dall’altra parte della quale si trovava la mano di suo padre. Tra incontri di pugilato e amori al limite della legge, l’ossessione per la Bibbia e sensi di colpa impossibili da tacere, Marvin Gaye – Il sogno spezzato è un viaggio nella cultura afroamericana del secolo scorso, vista attraverso gli occhi di una delle maggiori icone della musica soul, con il sottofondo di capolavori quali Ain’t No Mountain High Enough, I Heard It Through the Grapevine e, ovviamente, What’s Going On. Perché quando il fumo si diradava, nulla sembrava essere più come prima.

Titolo: Ray Charles

Autore: Antonio Bacciocchi

Prefazione: Massimo Oldani
Note e Curiosità: Graziano Uliani

SOUL BOOKS vol 09

Personaggio contraddittorio sia a livello umano sia artistico (ha alternato capolavori ad album mediocri o trascurabili). Una vita unica e irripetibile, quella di Ray Charles. Costui ha attraversato epoche diversissime e segnate da cambiamenti radicali, con un atteggiamento quasi incurante, e talvolta perfino sprezzante, accompagnato dalla tipica risata e sempre a testa alta.
Una storia tutta americana la sua, a volte difficilmente comprensibile in un’ottica attuale o rispetto a concetti etici e morali convenzionali. Tuttavia ci troviamo di fronte a chi è stato soprannominato The Genius. E ogni altro discorso è superfluo.

Cosa ne pensate del genere Soul? Secondo voi, a chi saranno dedicate le prossime biografie della collana?

Per scoprire gli altri volumi, ad oggi pubblicati, vi lascio i link di approfondimento