Ascolta il programma di approfondimento di iCrewPlay

Non sempre le migliori Software House sono quelle più produttive a livello di videogames. C’è chi sposa la filosofia della “maggiore qualità, minore quantità”, come ha fatto e continua a fare la Blizzard Entertainment.

California, 1991

Michael Morhaime, Allen Adham e Frank Pearce fondano la Silicon & Synapse, specializzata nella conversione di giochi per conto di altre aziende. Solo qualche anno dopo inizia a produrre per sé videogames. Nascono Rock N’Roll Racing, un videogioco di guida ricco di colonne sonore di genere rock; Lost Vikings, dove tre guerrieri viaggiano nel tempo per sconfiggere il mostro extraterrestre che vuole intrappolarli in uno zoo di rare creature; e Blackthorne, basato sulla guerra agli alieni che vogliono invadere il pianeta terra.

Nel 1994, la S&S diventa la Blizzard Entertainment

…e subito Warcraft: Orcs & Humans prende vita! Strategia in tempo reali con due popoli che si scontrano al fronte: quello degli orchi e quello degli umani.

Ma la Blizzard ha delle novità in programma: un servizio gratuito di gioco online per i suoi utenti, che prende il nome di Battle.net, attualmente lo shop online del sito della Software House.
La storia di questa società è ricca di acquisti di altre aziende o di vendite di propri titoli. Poi, l’equilibrio raggiunto e mai più perduto è diventato una costante fissa! Tant’è vero che la Blizzard è riuscita ad incamerare i primi tre videogames firmati S&S, ufficializzandoli nel proprio inventario di videogames.

Ma non è finita qui: la Blizzard è stata la prima Software House di videogames a fornire supporto a livello europeo alla community “World of Warcraft”, che riuniva i player di tutta Europa che riunitisi online su Battle.net.

Altre importanti saghe firmate dalla società sono Diablo Starcraft. Il primo consiste in un mondo stile medievale, in cui il player, dopo diverse missioni, giunge all’inferno, per affrontare il temibile Diablo. Il secondo, puramente fantascientifico, è finalizzato a portare in salvo una delle tre razze in cui il player si personifica (i terrestri, gli zerg, i protoss).

Ebbene, stiamo parlando di una Software House che non vanta i numeri della Capcom o della Naughtydog, ma che, a livello qualitativo, le eguaglia… anzi, la Blizzard ha ottenuto innumerevoli riconoscimenti dalla critica videoludica, svettando le classifiche dei migliori videogames dell’epoca!