Giorni molto discussi sul fronte Bitcoin e Blockchain: il primo gioco con criptovalute fa già registrare cifre da record

È ormai l’argomento del momento, inutile girarci intorno. Bitcoin e Blockchain hanno totalmente stravolto il mercato e continuano a far discutere. Proprio in questi giorni usciva il primo gioco sviluppato su questo sistema, un pò sulla scìa di Pokémon GO.

L’obiettivo principale è quello di scambiare e collezionare gatti virtuali, rigorosamente da acquistare con soldi reali. Un titolo che si basa quindi su una mescolanza tra la criptovaluta e i Blockchain.

Astronomiche sono le cifre che questo ha fatto registrare, con un valore medio di ogni esemplare attestato intorno ai 25 dollari, ed un totale di 8.5 milioni di dollari di scambio. Ma a far discutere è l’acquisto risalente alle ultime ore, che ha visto protagonista un gatto virtuale, venduto per circa 114 mila dollari.

Il meccanismo di gioco è veramente basilare. Non serve altro che acquistare, scambiare, o far accoppiare le specie, per crearne di nuovi.

Classificati per varietà e rarità, ognuno di essi ha un determinato “numero chiuso” di esemplari, che vengono rilasciati ogni 15 minuti. I giocatori non devono fare altro che acquistarli nel loro valore in ether, dopodiché saranno loro per sempre. Accoppiandoli invece, maggiore sarà la rarità e la particolarità dei tratti dei prescelti, maggiore sarà il loro valore di mercato.

Insomma, un gioco che sta facendo molto discutere per le modalità di cui si avvale. Ma gli appassionati non vogliono sentire ragioni: un buon esemplare di gatto virtuale non ha prezzo!

E voi siete d’accordo? Spendereste queste cifre per un gioco? Fatecelo sapere nei commenti.