Ascolta il programma di approfondimento di iCrewPlay

I genitori ti insegnano ad amare, ridere e correre.

Ma solo entrando in contatto con i libri,

si scopre di avere le ali.
                                                                           

Helen Hayes

 

Cari iCrewers, sono lieta di annunciarvi, qui su iCrew Play, l’arrivo di una nuova rubrica dal titolo: Sogni di carta. Come è nata? Di cosa tratterà? È presto detto…

Girovagando sul web sono incappata in questo diagramma:

 

La fonte è un blog di un apprendista libraio.

Il diagramma illustra le risposte che i clienti hanno fornito al libraio quando hanno scoperto che ha pubblicato alcuni libri. Questo diagramma mi ha fatto sorridere, perché da scrittrice molto spesso vengo invitata a Presentazioni, Eventi, Fiere…

Le persone mi si avvicinano con aria guardinga e dopo aver sbirciato la copertina, letto la sinossi e magari essersi anche comprati il libro, le reazioni che hanno danno veridicità a questo diagramma.

Ma come ben diceva il proverbio usato nelle favole di Fedro:

L’eccezione mette alla prova la regola.

E io mi considero quell’eccezione. Non riesco proprio a rientrare in questo Diagramma. Se scovo uno scrittore non riesco a far altro che riempirlo di domande. In due parole: Sono curiosa!

Non c’è nulla che mi affascini di più che leggere una quantità smisurata di libri e, se il libro mi ha emozionata, andare a cercare il suo autore per riempirlo di tutti gli interrogativi che il romanzo ha suscitato in me diventa quasi inevitabile.

Ma non sono di certo la prima a provare una sensazione del genere. Conoscete tutti la celebre frase di J.D. Saliger:

Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira.

                                                                                                           (Il Giovane Holden)

Perchè creare Sogni di Carta?

Ecco Sogni di Carta nasce con questo scopo. Oggi siamo tutti connessi. Abbiamo Facebook, Twitter, Instagram… Mi sono chiesta: perché non sfruttare questi potenti mezzi di comunicazione per cercare gli autori dei libri che più mi sono piaciuti e invitarli come ospiti in questa rubrica.

Creare ponti insomma!!

Cosa vuol dire Sogni di Carta?

Aver pubblicato un libro per noi scrittori è un sogno che si avvera e potersi raccontare è un modo per gridare al mondo: ho lottato per questo e ce l’ho fatta!

Questo vuol dire Sogni di carta. I nostri libri rappresentano letteralmente dei Sogni fissati con l’inchiostro su soffici e profumate pagine di carta.

Ma che legame può esistere fra i libri e iCrewPlay?

Non vi siete mai chiesti:

Ma come nasce l’ispirazione per scrivere un libro? 

Stephen King scrittore, sceneggiatore, regista e attore statunitense. Uno dei più grandi autori di letteratura fantastica dell’ultimo quarto del XX secolo. Proprio lui ha confessato, nelle sue interviste, di ricevere l’ispirazione per un suo romanzo così, per caso. Gli basta camminare per strada, sentire una canzone e TAC un’altra fantastica trama prende vita nella sua mente.

Io non mi considero certo Stephen King. Sognavo fin da bambina di diventare scrittrice… ci sono riuscita solo recentemente e solo grazie a questi due grandi protagonisti:

 Li riconoscete?

Sono sicura che la risposta a questa domanda sia SI!!

Si tratta di Noctis e Luna, i protagonisti di Final Fantasy XV.

Chissà se ci sarà realmente una Love Story fra questi due protagonisti?

Io mi sono ispirata a loro per creare i protagonisti del mio primo romanzo. Nato anche grazie al video della canzone di Fedez e Mika, Beautiful Disaster.

Quindi in Sogni di Carta tratteremo solo libri?

No di certo!!

In questa rubrica non si parlerà solo di libri, ma toccheremo altri punti. Quali per esempio sono le altre passioni che convivono nell’animo degli scrittori intervistati. Se sono appassionati di musica, sbirceremo tra le colonne sonore che hanno ispirato gli autori, i loro gusti musicali. Anzi, dato che la mia seconda passione è quella dei concerti, sicuramente cercherò di farci raccontare dagli autori quali sono stati i loro concerti preferiti. Ma parleremo anche di tutto quello che iCrewPlay racchiude: svago, divertimento, condivisione ecc.

Buon fine settimana a tutti, e come dico sempre:

In alto i nostri cuori!

Vi lascio il video di Fedez e Mika a cui devo molto. Spero vi piaccia e magari sia d’ispirazione anche a voi!!