Ascolta il programma di approfondimento di iCrewPlay

Apple avrebbe iniziato a produrre lo speaker Siri.
I prevedono novità che non si ritroveranno nei competitors. Lo vedremo alla WWDC…

Apple ha cominciato a produrre lo speaker Siri, che dovrebbe essere presentato alla WWDC. Lo sostiene Bloomberg in un articolo firmato da Mark Gurman. Il giornalista americano afferma che nei classici stabilimenti asiatici sarebbe già partita la produzione in serie dello speaker.

Tra le anticipazioni, vi è l’ipotesi secondo cui l’altoparlante sarà dotato di funzioni fino ad oggi sconosciute ai concorrenti, tra cui Alexa di Amazon. Apple sta, infatti, lavorando ad una funzione surround virtuale e a circuiti che eleveranno sensibilmente la qualità del suono. Un suono che sarà altamente definito e molto potente. Ancora, è molto probabile che assisteremo all’apposizione di sensori in grado di misurare lo spazio che contiene lo speaker, adeguando di conseguenza l’emissione sonora.

apple

Dall’articolo, null’altro emerge di nuovo. Viene confermato che l’assemblaggio sarà realizzato da Inventec, un partner storico di Cupertino. Alcuni dipendenti selezionati ne starebbero al momento provando in gran segreto le funzioni. Anche se nulla si è detto sullo schermo, in molti ritengono che sarà una delle peculiarità del dispositivo. Sarà concepito come uno strumento “aperto”, che gli sviluppatori saranno in grado di integrare nei loro servizi, usando applicazioni ad hoc. Lo stesso potranno fare gli sviluppatori hardware. Lo speaker Siri avrà certamente una funzione nel contesto dell’ecosistema di Homekit, ma anche in tutto il sistema di Apple. Dalla vendita delle app a Podcast, Apple Music e magari anche Apple Pay.

Tutto questo lascia immaginare che lo speaker Siri potrebbe sì essere in produzione,
ma difficilmente sarà disponibile fin da subito.

Apple dovrà dare tempo agli sviluppatori di lavorare ad App e dispositivi compatibili, che potrebbero arrivare più avanti nel corso dell’estate o forse in autunno, quando sarà introdotto iOS 11. Del resto lo stesso Bloomberg dice che lo speaker «sarà pronto più avanti nel corso dell’anno».